«Vedo uno squarcio di sole». L’ha detto ad Autosprint Luca Cordero di Montezemolo in un’ intervista esclusiva davanti alle SF70H che hanno chiuso al top i test invernali di F.1. in occasione del via delle celebrazioni dei settanta anni del Cavallino, l’ex presidente della Ferrari, una vita passata a Maranello ha ripercorso le tappe salienti della sua carriera in Emilia. A poco più di una settimana dal via del campionato del mondo si celebrano anche altre ricorrenze e anniversari quest’anno. Discoteca Alcatraz, Milano, martedì scorso. Alla presentazione della programmazione di Sky per la Formula Uno 2017 Jacques Villeneuve è tornato a parlare del Sorpasso.

70 anni Ferrari, tutti i campioni in Rosso

Venti anni dopo l’infernale pomeriggio di Jerez, le ruotate, Michael Schumacher e il titolo mondiale arpionato nell’ottobre del 1997. Per mille motivi, certi ricordi fanno ancora venire la pelle d’oca. Anche al figlio di Gilles che ha raccontato: «Ricordo ancora la sfida di Jerez: ci giocavamo il titolo mondiale e per superare uno come Schumacher c’era solo una cosa da fare: sorprenderlo. Mi buttai dentro al suo interno alla staccata con la ruota destra sul cordolo interno, lui a un certo punto si accorse e chiuse ma era troppo tardi, cercò di buttarmi fuori e quella volta non gli andò bene». Alle spalle del canadese, che anche quest’anno seguirà i Gp per Sky, su un grande schermo, le immagini di un duello durissimo. «Un sorpasso come quello che feci io a Schumi nell’ultimo Gp del 1997 si inizia a preparare diversi giri prima, vedi dove puoi staccare più forte o no, e lì sapevo di avere gomme nuove. Era tutto in quel giro o mai!…».

1997-2017 fatte le doverose differenze del caso, quali potranno essere gli Schumacher e i Villeneuve di questa stagione? «Hamilton e Vettel – replica subito Jacques – Penso che saranno loro quest’anno a giocarsi il titolo. Per me Lewis è già in pole; Vettel l’ho visto diverso, più calmo. Sicuramente quest’anno vuol sorprenderci in pista e non con le parole per poi deludere. La Mercedes dovrebbe essere ancora la squadra da battere, ma ho visto una Ferrari molto in palla: con le nuove regole riesci sempre a trovare qualcosa capace di riequilibrare un po’ la situazione fra le forze in campo». Nella settimana che si è portata via John Surtees, campione del mondo con la Ferrari nel 1964, proprio mentre iniziavano a Maranello le celebrazioni per i 70 anni di storia del Cavallino, la Formula Uno ha chiuso i test invernali con lampi di rosso e le SF70H al top. 

Giovedì le monoposto partiranno per l’Australia portandosi dietro sorrisi, affidabilità e, per ora, anche il ruolo di sorpresa. Riusciranno le Rosse in un anno cruciale come questo 2017 a limare il gap dalle Mercedes? Riusciremo finalmente a rivivere quest’anno dei duelli come quelli di venti anni fa esatti fra Schumi e Jacques? Riusciremo a rivedere il Sorpasso? In questo numero di Autosprint oltre alla rivista trovate allegata anche la SuperGuida al Mondiale di F.1 che scatta domenica 26 marzo col Gp d’Australia. Da domani infine sarà in edicola l’Autosprint Collection sui 70 anni del Cavallino. Davvero un grande pieno di emozioni mentre finalmente la stagione sta entrando nel vivo.