Non solo Generation 2, non solo l'arrivo di altre case, sarà la Stagione 5 di Formula E. Si delineano interventi sostanziali nel format dell'evento, accanto alle monoposto più prestazionali e in grado di coprire la distanza di gara senza dover ricorrere al cambio macchina. Dalla Conferenza per lo Sport FIA in corso a Manila è stato annunciata la bozza di calendario, con ancora due caselle da riempire: il terzo appuntamento, dopo Arabia e Marocco - potrebbe essere ancora Santiago del Cile - nonché la seconda gara in Cina. Hong Kong, apertura della Stagione 4, slitta a marzo e con un solo e-Prix.

New York continuerà a chiudere il campionato con quella che sarà l'unica doppia uscita nella stessa città. Roma conferma il posizionamento a metà aprile, mentre Monaco fa il suo ritorno e su una tracciatura destinata a essere più lunga, sebbene improbabile possa trattarsi della pista utilizzata dalla Formula 1.

Possibili novità intorno all'e-Prix di Berlino, con discussioni circa lo svolgimento ancora a Tempelhof o su un tracciato cittadino.

Tredici gare in 12 città diverse compongono il calendario di Formula E 2018-2019. Sarà un campionato piuttosto diverso nel formato degli e-Prix. Non si gareggerà più su un numero di giri predefinito, bensì gli e-Prix si trasformeranno in gare da 45 minuti più un giro, in quella che, di fatto, è una sostanziale riduzione rispetto all'attuale tempo di corsa, sempre oltre l'ora di gara.

La griglia a 22 macchine verrà definita ancora con la fase a gruppi in qualifica e alla Superpole avranno accesso non più i primi 5 piloti, bensì i primi 6. Cambia l'utilizzo del Fan Boost. Continuerà a premiare i tre piloti più votati dal pubblico e il plus di potenza andrà impiegato durante l'utilizzo della modalità High Power, grande novità della Stagione 5.

Le monoposto di seconda generazione correranno gli e-Prix in configurazione standard da 200 kW, 272 cavalli. In una determinata zona del circuito, visibile agli spettatori sugli spalti e in tv, sarà consentito sfruttare la modalità High Power, ovvero, spingere il motogeneratore a 225 kW (306 cavalli). Il numero di utilizzi consentiti al pilota, come i tratti di pista e la durata del boost di potenza verranno definiti dalla FIA e saranno variabili a ogni evento. Sui 225 kW si innesta il Fan Boost, che consentirà ai tre piloti più votati di sfruttare il motogeneratore fino a 250 kW, ben 340 cavalli.

La modalità High Power e il suo impiego verrà evidenziato da una colorazione specifica dei led applicati sull'Halo.

e-Prix Zurigo, Vergne e Di Grassi all-in

Per un particolare focalizzato sulle massime prestazioni ottenibili dalle monoposto Gen2, c'è un intervento che va a modificare la regola del giro più veloce, premiato fino a oggi con l'assegnazione di 1 punto al pilota che dovesse concludere la gara tra i primi 10. Dalla Stagione 5 l'assegnazione del punto extra cambierà e andrà al pilota che, tra i primi 5 all'arrivo, avrà concluso la gara con la maggior quantità di energia residua. Un premio all'efficienza.

 

Ad Diriyah

Arabia Saudita

15 dicembre 2018

Marrakesh

Marocco

12 gennaio 2019

Da annunciare

-

26 gennaio 2019

Città del Messico

Messico

16 febbraio 2019

Hong Kong

Cina

10 marzo 2019

Da annunciare

Cina

23 marzo 2019

Roma

Italia

13 aprile 2019

Parigi

Francia

27 aprile 2019

Monaco

Monaco

11 maggio 2019

Berlino

Germania

25 maggio 2019

Zurigo

Svizzera

9 giugno 2019

New York

USA

13 luglio 2019

New York

USA

14 luglio 2019