Dalla Stagione 4 della crescita, con l’arrivo di una pole – nell’ePrix di Zurigo con Evans – e di velocità espressa a sprazzi, a una Stagione 5 di ulteriore avvicinamento al vertice. Jaguar Racing si presenta in formazione invariata al via di Riad, Mitch Evans e Nelsinho Piquet dovranno svelare il vero potenziale della I-Type 3, completamente rivista nel motogeneratore elettrico.

Miglior piazzamento stagionale, nel campionato concluso a New York, il podio di Mitch Evans a Hong Kong, terzo. Il pilota neozelandese ha avuto la costanza di rendimento mancata a Piquet, pure a iniziare bene la Stagione 4, con tre quarti posti nelle prime cinque gare, poi la sfilza di ritiri, 5, nella seconda metà di campionato. 

Sterzi a parte: In bocca al lupo alla rivoluzione McLaren!

“Non vediamo l’ora di tornare a correre e dare il via alla nostra terza stagione in Formula E. Abbiamo messo insieme quanto appreso nelle prime due per assicurarci che il nostro powertrain sia il più competitivo possibile e speriamo ci metta in un’ottima posizione nell’e-Prix inaugurale”, ha commentato il team principal James Barclay. L’obiettivo: una Jaguar costantemente in lotta per conquistare il podio. Nei test di Valencia il team ha lavorato percorrendo tantissimi giri, adesso a Ad Diriyah dovrà svelarsi il potenziale velocistico puro.

Pirelli sceglie le mescole per Australia, Bahrain, Cina e Baku

“Sono determinato a proseguire sui progressi compiuti dal team lo scorso anno ed essere davvero in lotta per ottenere punti e podi a ogni gara. Insieme a Mitch abbiamo lavorato tanto nella fase di preparazione a questa stagione per partire in quarta con la I-Type 3”, spiega Piquet, mentre Evans aggiunge: “La competizione in Formula E continua a crescere a ogni stagione ma il lavoro che il team ha prodotto e i progressi alla macchina ci metteranno in una buona posizione per essere un team di vertice in questo campionato.

Ho conquistato il primo podio l’anno scorso a Hong Kong e voglio ripetermi con costanza, penso sarà possibile farlo con la nuova macchina, correrò per vincere”.

Formula E, Di Grassi: lotta dura, sempre più investimenti