L’ePrix di Marrakesh attende DS Techeetah alla conferma, su un circuito che lo scorso anno non vide brillare Vergne e Lotterer, distanti in qualifica e con appena un quinto posto rimediato da JEV in gara. Pista insolita per gli standard della serie elettrica, Città del Messico a parte è il tracciato più vicino a una configurazione permanente, sulla quale la E-Tense 05 di DS dovrà dimostrare di trovarsi a proprio agio come avvenuto a Riad.

“Abbiamo disputato una prima gara davvero buona, quale nuovo team DS Teceheetah. E' stato un momento carico di orgoglio vedere ogni cosa comporsi durante il week end di gara. Abbiamo affrontato le sfide e praticamente ogni possibile tiro mancino possibile, ma il team li ha gestiti molto bene e ne è uscito fuori al top”, analizza il team principal Mark Preston.

Condizioni particolarissime quelle dell’esordio, quasi un mese fa: “Devo rendere un plauso speciale al nostro nuovo team manager, David Clarke, che ha affrontato due turni di libere cancellati e la qualifica riorganizzata oltre a tutte le nuove regole e procedure introdotte in questa stagione ma è comunque riuscito a guidare il team in modo professionale”.

Uno dei dettagli emersi in gara a Riad, relativamente al powertrain DS, è stata l’elevata efficienza, rilevata in termini di energia residua, sullo stesso piano dei migliori, Audi e BMW, nella prima metà di corsa, nonostante una condotta aggressiva e in rimonta. Aspetto da verificare a Marrakesh che, se confermato, rappresenterebbe forse il più grande progresso compiuto da DS rispetto alla Stagione 4. “Ad Diriyah è stato un grande avvio di stagione per noi, adesso guardiamo però alla prossima sfida di Marrakesh, pensiamo rimescolerà ancora la griglia. Avremo molto lavoro da fare, visto che corriamo con la macchina Gen2 per la prima volta”, ha sottolineato Preston.

Due monoposto tra le prime 5 in gara, nonostante la duplice penalizzazione inflitta, collocano il team al vertice del campionato Costruttori. Resta l’amaro in bocca per la vittoria sfumata di Jean Eric Vergne, che dice: “Essere arrivato così vicino a vincere nel primo round mi ha lasciato tantissima fame e sono assolutamente concentrato per ottenere la vittoria. In passato, Marrakesh non è stata una pista a noi favorevole, spero che questa tendenza possa cambiare e di lasciare il Marocco su note alte quest’anno. C’è ancora molta strada da fare e sappiamo di dover continuare a essere affilati come rasoi per tutta la stagione”.

PARTENZA DELL'EPRIX ALLE 16:00

Il programma dell’ePrix di Marrakesh prevede il via della gara alle 16:00 italiane, con diretta su Italia 1, Italia 2 (dalle 15:30) ed Eurosport 1, che trasmetterà una sintesi delle qualifiche a partire dalle 15:45. Qualifiche in programma alle 12:00, dopo i turni di libere che saranno trasmessi sui canali YouTube e Facebook della Formula E: alle 7:55 e alle 10:10.