Il primo turno di prove libere dell’ePrix di Santiago ha permesso ai piloti di conoscere la pista totalmente inedita sulla quale si corre quest’anno.

Il team ufficiale Audi era chiamato a una riscossa dopo le deludenti prime due gare e sull’asfalto cileno Lucas Di Grassi ha mandato il primo squillo che segna la ripresa. Il brasiliano ha firmato il miglior tempo della sessione, fermando il cronometro sull’1:08.630.

Il campione della terza stagione della F.E si è messo alla spalle la Mahindra di Pascal Wehrlein, staccato di soli 0.146” e la DS di Sam Bird, più lenta di 0.358” rispetto al tempo di riferimento.

La sessione è stata caratterizzata dalla bandiera rossa sventolata dopo l’incidente occorso a Buemi. A 30 minuti dalla fine delle FP1, il francese ha perso il controllo della sua Nissan, andando a sbattere contro le barriere alla cura 6. Il risultato sono stati dei danni ingenti all’anteriore della vettura e meccanici e.dams chiamati al miracolo per rimettere assieme la macchina.