Si tratta di un ritorno in calendario, per l’ePrix di Londra. La Formula E tornerà a correre nella capitale dopo le prime due stagioni del campionato (2015 e 2016), quando si gareggiò sul tracciato di Battersea Park. Dal 2020 sarà l’ExCeL nel quartiere di Newham a ospitare il doppio round conclusivo della Stagione 6.

Accordo pluriennale, quello siglato tra Agag e i promoters, con la particolarità del correre, in parte, all’interno dell’Exhibition Centre. Circuito dallo sviluppo di 2.400 metri, su 23 curve, girerà all'esterno del centro conferenze che ha ospitato alcune gare delle Olimpiadi nel 2012 e posizionerà il rettilineo di partenza all'interno.

Si correrà il 25 e 26 luglio, due round che andranno a sostituire l’attuale finale di stagione newyorkese.

“Sono incredibilmente emozionato di riportare la Formula E e le corse elettriche nel Regno Unito. Ogni categoria del motorsport desidererebbe correre un evento a Londra, è stato il nostro desiderio da un po’ di tempo e siamo felici di aver trovato una nuova casa nel Royal Docks all’ExCeL di Londra”, ha commentato Alejandro Agag.

Ogni serie desidererebbe correre a Londra… Piacerebbe, certo, anche alla Formula 1.

Jeremy Rees, a.d. della struttura londinese che ospiterà le due gare di Formula E, ha aggiunto: “È un onore dare il benvenuto alla prima gara in parte al chiuso in parte all’aperto che si correrà all’ExCeL di Londra e al Royal Docks. Non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto con la Formula E per mostrare la versatilità della nostra struttura e creare un’esperienza davvero unica per squadre, piloti e spettatori”.