Grazie alla vittoria del poleman Jean-Eric Vergne colta sul brevissimo tracciato di Montecarlo, il team DS Techeetah domina ora entrambe le classifiche iridate, con JEV primo a quota 87 punti seguito dal compagno di squadra Andre’ Lotterer a sole cinque lunghezze. Il tedesco è stato bravissimo a rimontare sino alla nona posizione essendo partito dall’ultima fila. Il veterano ex stella del mondo Endurance ha compiuto sorpassi chirurgici e molto audaci, cercando di tenersi lontano dai guai il più possibile a partire dalla fase centrale della corsa, tagliando il traguardo dinanzi ad Alex Lynn della Jaguar. Passato sotto alla postazione del team DS Techeetah (il magnifico yacht Princess Iluka) JEV ha agitato il pugno alzandosi dall’abitacolo sino all’altezza del busto, consapevole di aver ottenuto una vittoria importantissima con più di un rivale nella lotto al titolo apparso in difficoltà o andato fuori gioco (Robin Frijns della Virgin su tutti, ora terzo dietro ai piloti della scuderia del ghepardo con gli occhi a mandorla). Vergne, scattato dalla prima piazza avendo ereditato la pole position dal penalizzato Oliver Rowland, ha comandato la corsa dall’inizio alla fine, non apparendo mai in difficoltà e gestendo al meglio l’energia e le fasi di attack mode, risultando il primo pilota a fare un bis nella season 5 ed interrompendo, così, il ciclo di vincitori diversi che si ferma ad otto.

Le parole di JEV

Fiero del risultato conseguito, JEV ha dichiarato: “Una giornata stupenda! Sono felice di aver ottenuto la mia prima vittoria a Monaco. La squadra mi ha fornito una vettura ottimale e abbiamo tirato fuori il meglio dal nostro pacchetto. Guidare la classifica piloti è magnifico e lo è ancor di più perché André è alle mie spalle. Comandare entrambi i campionati ci fornisce ulteriore fiducia e tutto sembra stia andando nella giusta direzione…per cui non ci resta che continuare a spingere nelle gare restanti”. Quanto al tracciato del Principato di Monaco, Vergne ha fornito un parere sincero: “Ho sempre amato molto il layout classico del Gran Premio di Montecarlo, ma quello impiegato nella Formula E non mi piace granché. Insomma, è davvero corto e sono molti meno i punti interessanti”. L’ePrix di Monaco è stata occasione anche per ripercorrere un attimo l’ottimo weekend disputato nella serie LMP2 del WEC a Spa: “E’ stata un’esperienza davvero positiva, in condizioni meteo molto difficili e il risultato che abbiamo portato a casa è stata una bella soddisfazione. Mi piace molto correre in quella dimensione e a volte, alternare le categorie, fornisce anche stimoli in più e ti carica ulteriormente”.

L'analisi di Lotterer

Anche Andre’ Lotterer, nonostante la nona piazza finale, è apparso abbastanza positivo nel dopo gara: “Purtroppo in qualifica ho fatto un po’ di casino e il giro che ne è venuto fuori non è stato dei migliori (sorride). Per fortuna sono riuscito a mettere una pezza sulla giornata, concludendo la corsa nella zona punti. In particolare ho effettuato dei sorpassi nella fase iniziale della corsa, poi ho approfittato del chaos che si è generato ad un certo punto, tenendomi lontano dai guai”. Naturalmente, Lotterer si è detto felice per il risultato del compagno di squadra JEV: “Non posso che congratularmi con lui, ha fatto tutto alla perfezione e abbiamo guadagnato punti importantissimi in chiave campionato”. Quanto al futuro in Formula E, André non ha usato giri di parole: “Sono convinto che la Formula E e il mondo del full electric siano il futuro, ragion per cui ho eccome piani a lungo termine in questa categoria. Mi trovo benissimo con il team e la chimica è delle migliori quindi…guardiamo avanti con ottimismo!”.

Grazie anche al momento di sbandamento dei rivali Virgin in quel di Monaco (Frijns fuori dalla zona punti e autore di un contatto con Alex Sims della BMW iAndretti mentre Bird è finito KO per un contatto contro le barriere nel finale di gara), DS Techeetah guida ora il campionato costruttori con 169 punti, ben 34 lunghezze di vantaggio. Un momento davvero magico per la scuderia franco-cinese che sembra star chiarendo sempre più i reali valori in campo nella folle season 5 della Formula E.