Torna in pole position, Sebastien Buemi. Sul cemento dell'aeroporto di Tempelhof, ePrix di Berlino, la Nissan ha staccato la miglior prestazione della Superpole in 1’07”295, dopo una fase a gruppi chiusa in seconda posizione, dietro un ottimo Stoffel Vandoorne, che ha mancato la conferma.

HWA con il belga secondo e Gary Paffett quarto, prestazione da confermare in gara. Una qualifica che ha visto, ancora, un solo pilota del Gruppo 1 accedere alla Superpole. Tocca a Lucas Di Grassi, sul filo di lana. Sesto, sufficiente per giocarsi il giro della pole. Scatterà dalla seconda fila, affiancato da Paffett e davanti ad Alex Lynn su Jaguar e Alexander Sims su BMW.

DS SBAGLIA TEMPI

In ottica campionato, Vergne partirà nono mentre molto molto peggio è andata alla seconda DS Techeetah di André Lotterer, ultimo.

Un errore del team nel calcolare i tempi per il giro veloce nel Gruppo 1 lo ha privato del giro veloce, trovando il semaforo rosso. Una gestione errata, con le due DS vicinissime nell’entrare in pista e Lotterer a crearsi lo spazio utile a provare il proprio giro veloce. Così facendo ha preso il semaforo rosso per un secondo o poco più.

ABT A RISCHIO

Vergne, leader di campionato, partirà alle spalle di Felix Da Costa e Daniel Abt. Buona prestazione per il pilota tedesco, estromesso dalla Superpole dalle prestazioni di Lynn e Paffett nel gruppo 4.

La griglia di partenza dell'ePrix di Berlino

In realtà, sulla qualifica di Abt pende la decisione della direzione gara, a porlo sotto investigazione per violazione della norma sul parco chiuso. Un meccanico ha operato sulla gomma anteriore destra oltre il limite dei 5 minuti dal via della qualifica, “barriera” che permette esclusivamente la verifica delle temperature. Andrà esaminato se il meccanico abbia, o meno, effettuato altre operazioni.

Molto male Robin Frijns, terzo in campionato. Partirà in ultima fila accanto a Lotterer.

L’ePrix di Berlino partirà alle 13:05 per i consueti 45 minuti più 1 giro di gara.