È la stagione dei gavettoni e l’ultima “bomba d’acqua” viene dalla Germania: Raikkonen mollerebbe la Lotus ma non per la Red Bull, bensì per la Ferrari. A fare da compagno di squadra a Vettel, per il 2014, sarebbe proprio Fernando Alonso. Pura follia? Proviamo a capire come nasce la voce. Tutto parte dal mare di speculazioni che sono sorte in Ungheria quando l'aiutante-manager, Luis Garcia Abad, è stato visto e fotografato nel motorhome Red Bull. In realtà Garcia Abad era lì per parlare di Sainz junior (che aveva provato la Red Bull a Silverstone la settimana prima)  tanto che c'era anche Carlos Sainz con lui. Se Garcia Abad avesse voluto un colloquio con Horner per una fantomatica trattativa Alonso-Red Bull l'avrebbe sicuramente fatto in modo più discreto. Però l'occasione è stata ghiotta per certa stampa scandalistica straniera per ipotizzare trame segrete. Le voci su Raikkonen, a questo punto, ci stanno tutte. Nell’ottica di un “gioco” a cui adesso giocano in due. Dopo il rimbrotto di Montezemolo al suo pilota di punta che aveva auspicato come regalo una... Red Bull, la Ferrari ha tutto l’interesse a ricordargli che Fernando non è insostituibile. La squadra viene prima di tutto, ha detto il Presidente. Raikkonen, intanto, spera che la concretizzazione dell’accordo con la tedesca Infinity porti in Lotus quei soldi che serviranno a pagargli lo stipendio. Il gioco del mercato lo gestisce la Red Bull: ma se sei un pilota pagato zero nel tuo team, di forza contrattuale ne hai davvero poca...