Dopo avere pubblicato le immagini del suo V6 turbo per il 2014, adesso la Mercedes ce lo fa ascoltare. Non nelle prove al banco, ma in una simulazione di giro sul circuito “da motore” per eccellenza: Monza. Si nota subito che, nonostante il regime di rotazione limitato per regolamento a 15000 giri, il rumore non è particolarmente soffocato, tranne che nei passaggi più lenti (chicanes, seconda di Lesmo). La progressione sembra abbastanza accattivante, ma rimane l’impressione che il sound sia un po’ “vuoto”, che non riempia le orecchie come i motori aspirati a cui eravamo abituati. E c’è una spiegazione: sui motori 2014, i collettori di scarico confluiscono in unico termianale. Invece di due “quattro in uno” come gli otto cilindri attuali, abbiamo un “sei in uno” con condotto centrale. Questo fa sì che la sonorità resti abbastanza acuta. Ma c’è il turbo, che proprio dallo scarico “pesca” gas caldi per alimentare la girante che, a sua volta, serve soprattutto a caricare le batterie del motore elettrico. Si tratta di energia prelevata, che quindi smorza il volume (non la frequenza) del suono. Diteci che cosa ne pensate... Ecco, di seguito, il link al video rumore del V6 Mercedes