dal nostro inviato a Hockenheim: Alberto Antonini Piove a Hockenheim stamattina. Una pioggia leggera che fatica a bagnare l’asfalto, ma cambierà le condizioni per la gara. Mentre la Mercedes deve decidere se far partire Lewis Hamilton dalla pit-lane o dalla 15ª posizione in griglia, tiene banco la polemica lanciata da Lauda contro Brembo per il cedimento del disco anteriore destro, ieri in qualifica, di cui parliamo anche qui. Ci sono alcuni punti che è necessario chiarire: - La Brembo fornisce alla Mercedes l’impianto frenante. La scelta dei materiali - dischi e pastiglie - è a discrezione del pilota. Per questa gara Hamilton usava i dischi italiani, che danno subito un rallentamento deciso, e Rosberg i Carbone Industrie, che hanno un’azione più progressiva. Ma la scelta si fa di gara in gara. - Se Hamilton cambia materiale, cioè se monta anche lui dischi Carbon, deve partire dalla corsia box. Ma la Mercedes argomenta che se lo fa per motivi di sicurezza, avrebbe diritto a mantenere la posizione in griglia. - I dischi arrivano alla Brembo già semilavorati, cioè “cotti” e tagliati nella forma giusta. Ci sono state voci su un cambio di fornitore. In realtà il fornitore è lo stesso da tre anni. Il materiale in uso, siglato CER300, è praticamente lo stesso per tutti. La Brembo lavora il disco forandolo per il raffreddamento secondo specifiche date anche dalle squadre. - I dischi sono controllati tre volte: dal fornitore originale, dalla Brembo stessa, e dalla squadra. Il controllo prevede anche un esame ai raggi infrarossi che dovrebbe, in teoria almeno, rivelare la presenza di bolle o crepe nella struttura. - Niki Lauda ha fatto riferimento a un cedimento già avvenuto, nelle sue critiche. Si tratta di un disco rotto da Rosberg nei test di Barcellona dopo il Gp, a maggio. Va notato che i dischi posteriori, pur essendo quest’anno più “leggeri” per via del Kers che ha una forte azione frenante, non si rompono mai. - Christian Horner (Red Bull) ha osservato che “Brembo è la più prudente nelle scelte dei materiali”. Una fonte italiana sostiene che, quando un disco cede, c’è quasi sempre una ragione al di fuori del materiale. Per esempio vibrazioni, o un montaggio difettoso. Mercedes conferma che i dischi usati da Hamilton per le qualifiche erano nuovi, appena installati. - In ogni caso, sulla W05 di Hamilton è stato sostituito il cambio. Di conseguenza il pilota inglese partirà 20°, sempre che non si preferisca - non fa una gran differenza... - partire dalla pit-lane, scelta che permetterebbe di effettuare altri cambiamenti sulla monoposto, magari per adattarsi alle condizioni della pista.