da Yas Marina (Abu Dhabi): Alberto Antonini Adrian Newey ha lasciato il circuito alle dieci di sera. La penalizzazione - esclusione dalla qualifica - per le due Red Bull di Vettel e Ricciardo era appena stata annunciata. Il progettista (che potrebbe essere al suo ultimo GP di F1) non l‘ha presa bene, ma ha acconsentito a dare dettagli. “Era un’ala un po’ nuova, leggermente evoluta rispetto ad altri modelli di quest’anno, quindi posso dire che non l’avevamo provata prima. Ma aveva passato le verifiche preliminari della Fia”. Quelle che vengono effettuate con un carico statico. Però è chiaro che la deformazione riguarda un altro elemento. “Si tratta del flap. Ma a dire la verità, se guardate le altre monoposto, vedrete che la stessa cosa la fanno tutti”. In effetti la camera car della Williams, per fare un esempio, mostra una vistosa variazione della “luce” fra il piano principale e le appendici mentre la vettura si muove. Qualcuno ha fatto la spia? La Fia a quanto pare è stata “costretta” a intervenire. Ma se Vettel e Ricciardo vogliono partire, comunque dal fondo dello schieramento dopo che avevano raggiunto la terza fila, dovranno usare un’altra ala o modificare quella incriminata.