Niki Lauda si schiera a favore dello svolgimento del GP di Germania, a rischio per via dei problemi economici che affliggono i circuiti del Nurburgring e di Hockenheim. Il tre volte Campione del Mondo di Formula 1, nonché chairman del Team Mercedes AMG, dichiara infatti che la scomparsa del Gran Premio di Germania dal calendario rappresenterebbe «un disastro» per la Formula 1. «Spero che (il fatto di voler escludere dal 2015 una corsa teutonica, ndr) rappresenti solo una specie di “dimostrazione di forza” (da parte d Ecclestone, ndr) - prosegue Lauda - per la Germania e per la Mercedes sarebbe un disastro se non ci fosse una gara sul suolo tedesco». Dichiarando di non riuscire a comprendere per quale motivo una gara di F1 non risulti essere quest’anno organizzabile in Germania, Lauda aggiunge: «Gli organizzatori dovrebbero coalizzarsi. Abbiamo Rosberg in Mercedes e Vettel alla Ferrari. Cos’altro potrebbe si potrebbe offrire alla Formula 1? Ci deve essere un modo per rendere il GP tedesco un evento redditizio». Le dichiarazioni di Lauda seguono infatti quelle rilasciate negli scorsi giorni da Bernie Ecclestone, patron della Formula 1, che ha dichiarato: «Poiché la partecipazione (da parte del pubblico, ndr) è stata molto bassa negli ultimi anni, non si rivela commercialmente redditizio organizzare la corsa tedesca per i promoter del GP di Germania». Sull’argomento ha preso posizione anche il vicecampione del mondo, il tedesco Nico Rosberg. a.c.