Due interruzioni con bandiera rossa hanno caratterizzato la prima sessione di prove libere a Budapest: la prima è stata causata da un incidente a Perez che fortunatamente si è rivelato più spettacolare che serio, dovuto al cedimento della sospensione posteriore destra. Cedimento strutturale anche per Raikkonen, quando in una scordolata ha perso l'ala anteriore che finendo sotto la Ferrari si è sbriciolata spargendo detriti per la pista, causando quindi la seconda bandiera rossa della giornata. Comunque Raikkonen si può consolare con il 3° tempo della sessione, dietro per 7 decimi alle solite Mercedes di Hamilton e Rosberg staccate fra loro di 1 decimo. Bene le Red Bull che si insinuano con Ricciardo e Kvyat (17 millesimi il divario fra i due) fra le due Ferrari, con Vettel 6° a 1"2. Ora l'appuntamento passa alla seconda sessione di prove libere, che prenderà il via alle ore 14. FP1

La cronaca "live"

ORE 11.30 - La pista riapre giusto per l'ultimo minuto utile, che viene sfruttato da Ricciardo, Massa, Bottas e Palmer. Quest'ultimo riesce così a completare 4 giri totali, ma senza un crono. E la sessione si conclude con quest'ordine nei giri veloci: Hamilton, Rosberg, Raikkonen, Ricciardo, Kvyat, Vettel, Sainz, Perez, Bottas e Verstappen. ORE 11.25 - Passando su un cordolo in uscita curva, a Raikkonen cede di schianto l'ala anteriore, che finisce anche sotto la monoposto e gli buca una gomma. I detriti causano l'esposizione di un'altra bandiera rossa. ORE 11.20 - Leggeri miglioramenti, in particolare per Rosberg e Kvyat che però restano 2° e 5° rispettivamente. ORE 11.10 - Si riparte dopo che la pista è stata ripulita dai detriti della monoposto di Perez, che comunque sta bene ed è già tornato ai box della Force India. ORE 11.00 - Pauroso incidente a Perez, che in seguito alla rottura della sospensione posteriore destra va a picchiare e cappotta in uscita dalla curva 11, causando l'interruzione con bandiere rosse. Sembra che Checo non si sia fatto nulla, ma è stato in ogni caso portato al centro medico per i consueti controlli. CKqvYwYUkAA6_II.jpg-large ORE 10.50 - Si comincia a ritornare in pista, e fra i piloti impegnati c'è adesso anche Vettel, che ottiene il suo primo giro completo cronometrato in 1'26"867, settimo tempo nonostante una forte correzione. ORE 10.40 - Dopo aver sfruttato il set di Pirelli che viene concesso nei primi 30 minuti, nessuno è più sceso in pista. Nemmeno Vettel, però i meccanici continuano a lavorare sulla sua Ferrari che è stata anche messa in moto. ORE 10.30 - Maldonado e Palmer riescono ad entrare appena in tempo per riuscire a sfruttare il set di gomme bonus, dopo problemi di pagamento con la Pirelli e anche il tempo necessario a portare le gomme in temperatura con le termocoperte. Intanto Ricciardo è riuscito a togliere a Raikkonen il 3° tempo, ma sempre a 1 secondo dal vertice. Mentre Vettel è sempre fermo ai box con i meccanici che lavorano sulla sua monoposto. CKqpF9HW8AAW92k.jpg-large ORE 10.20 - Arrivano i primi crono, con le Mercedes davanti. Hamilton si abbassa fino a 1'25"291 e fra lui e Rosberg si mette Raikkonen, però ancora staccato di 1"9. Seguono Verstappen, Massa, Nasr, Perez, Ericsson, Bottas e Sainz. ORE 10.10 - Giri di controllo per tutti, con le Mercedes ultime a scendere in pista quando mancano ancora le Lotus: queste hanno avuto un problema di fornitura dalla Pirelli, in seguito a problemi di pagamenti, ma la cosa dovrebbe essere stata risolta. ORE 10.00 - Iniziano le prove libere a Budapest, con le Force India di Hulkenberg e Perez prime a uscire. Palmer e Leimer saranno fra le terze guide che troveremo in pista, dove fa già molto caldo: le temperature dell'asfalto sono prossime ai 60°C.

Introduzione

Inizia alle ore 10 (sia ungheresi che italiane) la prima sessione di prove libere in preparazione al GP F1 dell'Ungheria a Budapest. Prove che si concluderanno alle ore 11,30 e che saranno sempre seguite dalla nostra cronaca diretta "live", sia sul web che su Twitter (@autosprintLIVE). La sede è quella dell'Hungaroring, uno dei tracciati più corti (ma anche stretto) del Mondiale F1 con i suoi 4.381 metri. Un circuito che vedrà un cordolo più alto alla curva 6 (la prima dell'unica chicane presente qui) per scongiurare i tagli, che sarà percorso 70 volte in gara e che presenta due zone di attivazione del DRS: il rettilineo di partenza e l'allungo fra curva 1 e 2 (con unico "detection point" appena prima dell'ultima curva). Sebbene sia più veloce (da 290 km/h) il successivo allungo che porta alla curva 4 non è stato considerato sufficientemente sicuro per essere percorso con l'ala mobile aperta, viste le sue "pieghe" (soprattutto quella finale) in velocità. Per quanto riguarda i pneumatici, in questa occasione la Pirelli mette a disposizione le mescole intermedie, cioè la soft gialla e la medium bianca. Per quanto riguarda le altre caratteristiche di questo appuntamento, compreso come su questa gara graviti il ricordo di Jules Bianchi, rimandiamo ai nostri precedenti articoli già pubblicati con le relative spiegazioni: qui per le novità, qui per i dati statistici e qui per quanto riguarda i pneumatici. Maurizio Voltini

La cronaca su Twitter

mappa-gp-ungheria

La nostra fotogallery pre-GP