Grazie ai continui errori del compagno di squadra, questa poteva essere la giornata del "sorpasso" in classifica per Nico Rosberg, tanto che non ha certo mascherato di correre assolutamente sul rivale diretto di campionato, Hamilton, più ancora che per la vittoria della gara in sé. È stato criticato per aver montato le gomme medie bianche al terzo stint, ma a parte che nessuno ha fatto 27 giri con le soft come sarebbe stato costretto a fare, in realtà lui giustifica anche nel differente comportamento della macchina questa scelta. Ecco infatti cosa ha dichiarato Rosberg dopo la gara che l'ha visto finire 8° solo per l'incidente con Ricciardo - mentre lottavano per la seconda posizione - che l'ha costretto a fare un intero giro con la ruota posteriore sinistra a terra: «Ho avuto una partenza decente, pur se non la migliore. Ma anche stavolta non avevo un buon equilibrio con le gomme soft del via, così le Ferrari sono andate via abbastanza rapidamente all'inizio. È andata meglio con le medie e la gara stava andando bene per me fino al giro 64. Correre è molto difficile a volte. È una sensazione terribile, perdere alla fine. Per me, l'incidente con Daniel è stato abbastanza chiaro. Ero sulla traiettoria ideale, lui ha frenato troppo tardi ed è finito largo. Io sono rimasto in traiettoria, la curva era mia, ma lui aveva ancora il suo alettone anteriore lì e mi ha colpito, così ho avuto una foratura. Che ha distrutto la mia gara, ed è un vero peccato perché avrei potuto guadagnare un sacco di punti su Lewis. Al momento non mi interessa nulla della pausa estiva. Voglio solo essere di nuovo in macchina e correre ancora già domani». Maurizio Voltini