Sono riprese a pieno ritmo le attività nelle sedi dei team di Formula Uno. E come da tradizione il ritorno al lavoro è coinciso con le prime indiscrezioni relative ai piani nel breve e medio termine delle squadre. Iniziamo dal prossimo fine settimana, ovvero dal Gran Premio del Belgio. La tappa di Spa-Francorchamps avrebbe potuto vedere l’esordio di ben tre power unit “gettonate”, complice anche la configurazione della pista belga da sempre palestra che esalta le doti di cavalleria dei motori. Sembra invece che sarà la sola Honda a confermare i piani (ma è giusto dire “indiscrezioni”) della vigilia. La casa giapponese porterà in pista una versione della sua power unit con diverse modifiche. Alcune di esse (come era già accaduto alla viglia del Gran Premio di Spagna) sono state omologate come risolutive di problemi di affidabilità, altre hanno richiesto la spesa di 3 gettoni. Le modifiche sono indicate nella camera di combustione e sugli iniettori, per un incremento di potenza valutabile in circa 20/25 cavalli. Non dovrebbero invece esserci novità sul fronti Ferrari e Mercedes. Il team campione del Mondo ha fatto esordire la PU numero “2” a Montreal, e nel paddock erano in pochi a credere che avrebbero introdotto la “3” dopo sole quattro gare. Molto più probabile appare la scelta di Monza, che coinciderà con l’esordio della PU numero “4” della Ferrari. Ricordiamo che prima di Spa Ferrari, Honda e Mercedes hanno ancora a disposizione 7 gettoni, mentre la Renault dispone sempre dei 12 che dovrebbe spendere in un’unica evoluzione tra Singapore e Sochi. Roberto Chinchero