Potrebbe riservare un colpo di coda invernale, il mercato piloti. Sotto la lente d’ingrandimento c’è la posizione di Pastor Maldonado in Renault. Voci dall’Inghilterra, rilanciate dal Telegraph, riportano di una visita la scorsa settimana di Kevin Magnussen alla factory di Enstone, da qui è iniziato il balletto di indiscrezioni, che vorrebbero il danese vicino al sedile del venezuelano. Sebbene più volte la posizione di Maldonado sia stata collegata alla sponsorizzazione garantita dalla compagnia petrolifera venezuelana PDVSA, il diretto interessato ha sempre smentito che il suo posto fosse legato alle sorti della compagnia. Tuttavia, secondo quanto riporta Autosport dall'Inghilterra, uomini Renault si trovano in Venezuela per negoziare un nuovo accordo con l’azienda petrolifera controllata dal governo, anche in virtù di una diversa visibilità sulla livrea 2016. Il tutto in una situazione politica ed economica non facile nel paese sudamericano, sia per l’instabilità interna dopo le elezioni di dicembre, che per i prezzi del petrolio molto bassi scesi ormai attorno ai 30 dollari a barile. Sulla vicenda, un portavoce Renault ha commentato: «Al momento si tratta di speculazioni. Abbiamo un contratto con Pastor, questa è la situazione attuale. Chi sa cosa potrebbe accadere in Australia, al momento andiamo avanti con Pastor e Jolyon». Dall’altro lato c’è un Magnussen che avrebbe il sostegno di un marchio d’abbigliamento danese e, nel caso in cui la posizione di Maldonado dovesse risultare comunque al sicuro per il mondiale 2016, potrebbe accordarsi per il ruolo di terzo pilota, in attesa del 2017. Magnussen è stato recentemente appiedato dalla McLaren a fine 2015 perché il team non sapeva dove collocarlo dopo averlo tenuto in naftalina come terzo pilota per tutto il 2015 salvo una gara estemporanea in Australia in sostituzione dell'infortunato Alonso. Magnussen ha all'attivo 20 Gp in F1 e un podio (2° in Australia 2014). Fabiano Polimeni