Come, da un lato, è normale che sorgano degli interrogativi sulla solidità della posizione di Pastor Maldonado in Renault, mettendo insieme due fatti – la visita di Kevin Magnussen a Enstone e il viaggio di Cyril Abiteboul in Venezuela, per incontrarsi con i vertici della PDVSA – è altrettanto normale che dai diretti interessati seguano commenti diretti a minimizzare la portata delle indiscrezioni. Dopo la nota Renault, a margine delle voci sulla possibile sostituzione di Maldonado con il pilota danese, arriva il commento di una fonte della compagnia petrolifera di Stato: «Sono tutte speculazioni, al momento non abbiamo ricevuto informazioni diverse da quanto concordato lo scorso anno con Lotus», ha commentato al giornale El Universal. Non nega l’esistenza di un incontro tra le parti, relegandolo, però, a normale amministrazione: «Questo tipo di riunioni si svolgono per programmare le attività da svolgere, non c’è niente di strano». Tra poche settimane, a febbraio, si terrà una conferenza di presentazione ufficiale del team Renault, annunciata già in sede di rilevamento delle quote Lotus e sarà l’occasione buona per capirne di più sulle sorti sportive di Pastor, la sponsorizzazione PDVSA e il ruolo di Magnussen nel 2017. Fabiano Polimeni