Sono state usate solo ed esclusivamente le Pirelli intermedie verdi nella seconda sessione di prove libere a Melbourne, ma la pista è stata anche stavolta in condizioni continuamente variabili per la pioggia che andava e tornava. In questa situazione Hamilton è riuscito nuovamente a sfruttare il momento migliore della pista per far segnare il giro più veloce di tutti. Al contrario, verso l'inizio della sessione Rosberg rischia troppo sulla pista ancora bagnata e si intraversa andando a toccare il muretto con l'ala davanti, finendo lì la sessione. Poco dopo Hamilton entra in pista anche Hulkenberg e infatti segna il secondo crono a soli 5 decimi, precedendo così di 2 decimi Raikkonen che però aveva segnato il miglior giro quando la pista era ancora in condizioni difficili. In seguito Ricciardo era riuscito ad avvicinarsi al finlandese, che in quel momento era il più veloce, di soli 49 millesimi, mentre Sainz ha ripetuto più volte un tempo da quinta posizione facendo segnare il miglior ultimo intertempo proprio sotto la bandiera a scacchi. Anche stavolta troviamo subito a seguire le due McLaren, rispettivamente Alonso e Button, una posizione che se non altro indica assenza di problemi finora. Subito dietro abbiamo Vettel, che però non si è proprio impegnato in questa sessione, che ha dichiaratamente trovato quasi inutile. A completare la top ten troviamo quindi Perez e Kvyat. Ora ci aspettiamo che le squadre compiano il grosso del lavoro - dimostrando anche qualcosa di più attendibile - nell'ultima sessione di prove libere, programmata quando in Italia saranno le 4 di notte. FP2

Introduzione alla FP2

Dopo una prima sessione di prove libere poco indicativa perché condizionata dalla pioggia intermittente, arriva alle ore 6,30 italiane (le 16,30 locali) la seconda sessione di prove a Melbourne in preparazione al GP F1 d'Australia. Naturalmente sempre seguita dalla nostra cronaca diretta tramite il supporto del nostro canale Twitter specifico @autosprintLIVE. Questa fase, ammesso non venga disturbata nuovamente dalle condizioni meteo, dovrebbe rivelarsi più interessante perché si prevede verranno utilizzate tutte e tre le mescole di pneumatico che la Pirelli ha messo a disposizione, vale a dire supersoft rossa, soft gialla e medium bianca. Se la pista sarà asciutta avremo dunque indicazioni più realistiche sulle possibilità delle varie monoposto sia in gara che in qualifica. Maurizio Voltini

La diretta "live" via Twitter

mappa-melbourne

La prima fotogallery delle prove