Due gare prima della pausa estiva, per il mondiale di Formula 1. Ungheria e Germania, Budapest e Hockenheim, piste sulle quali si attende anzitutto un ritorno della Ferrari. Appuntamenti contraddistinti dalla medesima scelta di gomme da parte della Pirelli, come peraltro i due gran premi che riapriranno le danze, Spa e Monza. Le scuderie dovranno effettuare la propria selezione dei 10 treni di gomme a scelta libera tra le mescole supersoft, soft e media

Già definiti i set per l'Hungaroring, tracciato sul quale ricercare la massima aderenza meccanica, pertanto non è una sorpresa scoprire come tutte le scuderie abbiano sbilanciato l'allocazione verso le gomme supermorbide. Lo scorso anno si corse con gomme medie e morbide a disposizione. La Ferrari si presenterà a Budapest con 9 treni di gomme supermorbide, più di chiunque altro, scegliendo di "sacrificare" le morbide, appena 3 set. Un unico treno di medie per tutte le scuderie, con l'eccezione della Force India (2) e di Gutierrez. 

Sterzi a parte, il via dietro SC sul bagnato un orrore antico

Hamilton e Rosberg avranno un set di gomme morbide più della Ferrari, avendo limitato a 8 i treni di supersoft. Ancora diversa la scelta Red Bull, se possibile più equilibrata: 7 treni di supermorbide, 5 di morbide; Toro Rosso, McLaren e Williams, adottano il medesimo "schema". 

 

Spostando l'attenzione molto più in là, all'autunno, quando si correrà il Gran Premio degli USA ad Austin, Pirelli ha annunciato quali saranno le mescole impiegate, confermando l'abbinata supermorbide-morbide-medie che ci accompagnerà nei prossimi appuntamenti. 

Test, F1 in pista a Silverstone 

Mercedes: discutiamo dell'iper-regolamentazione della F1