La conferenza stampa "a sorpresa" indetta dalla Williams per le 13.45 del giovedì di Monza aveva lasciato intuire che qualcosa di grosso stava bollendo in pentola. Felipe Massa ha annunciato il proprio ritiro dalla Formula 1. Il brasiliano terminerà la stagione con la scuderia britannica e a fine 2016 lascerà il Circus dopo 14 anni. Massa, il cui esordio risale al GP d'Australia 2002 con Sauber, attualmente ha preso parte a 243 gran premi, conquistando 41 podi (di cui 11 vittorie) e un totale di 1110 punti. La miglior stagione in carriera è quella 2008, quando sfiorò il titolo mondiale, poi vinto da Lewis Hamilton con un solo punto di vantaggio proprio al GP del Brasile.

"Un momento emozionante difficile, è stato più difficile di tutte le partenze che ho fatto in F1". Il pilota, che ha ricevuto una lunga standing ovation da parte dei presenti, ha così commentato la sua scelta: "Devo iniziare ringraziando mia moglie, mio padre e tutta la mia famiglia, il mio manager Nicolas e tutti coloro che mi hanno supportato durante tutta la mia carriera. Grazie anche a te, Signore, per tutte le opportunità che mi hai dato nella vita e soprattutto per avermi protetto. Voglio anche ringraziare tutte le persone con cui ho lavorato in questi anni, tutti i team di cui ho fatto parte e non solo quelli di Formula 1. Ho così tanti bei ricordi di questi anni. La mia carriera è andata meglio di quanto potessi aspettarmi e sono orgoglioso di quanto ho ottenuto. E' un grande onore finire la mia carriera in un team come Williams Martini Racing. Sarà una grande emozione quando ad Abu Dhabi correrò il mio ultimo gran premio, il 250°"

Ora si attende di conoscere il nome del pilota che lo sostituirà nel 2017. Claire Williams, team principal Williams che già aveva ventilato il nome di Jenson Button, ha nel frattempo ringraziato Massa per l'impegno e i risultati ottenuti con la sua scuderia, con cui corre dal 2014: "E' stato un piacere lavorare con Felipe nelle ultime tre stagioni e saremo tutti molto tristi quando ci lascerà. Felipe è arrivato da noi in un periodo di grandi cambiamenti e il suo entusiasmo, il suo talento e la sua esperienza sono stati fattori chiave nella svolta del team. Tutti quelli che lo conoscono sanno che persona splendida sia. Ha fatto tanto per questo sport negli anni e penso che tutti i team che hanno avuto il piacere di lavorare con lui lo ricordino con affetto. So che non è stata una decisione facile per lui ma la rispettiamo tutti. Vorrei ringraziarlo da parte di tutto il team per il duro lavoro svolto negli ultimi tre anni, augurandogli buona fortuna per qualsiasi progetto abbia intenzione di intraprendere. Rimarrà per sempre un membro della famiglia Williams e ci auguriamo che da noi si senta sempre a casa". 

La scelta del GP d'Italia per annunciare l'addio non è stata casuale. "Ho scelto Monza perché l'Italia è la mia seconda casa, il mio secondo Paese che amo tanto, e perché qui fece l'annuncio anche Michael nel 2006". Il pilota non ha comunque specificato se appenderà il casco al chiodo definitivamente o se correrà in un altro campionato.