E' emerso come uno dei nomi importanti del mercato piloti che potrebbe cambiare tuta nel 2017, Nico Hulkenberg. Indiscrezioni dicono di un contratto biennale già firmato dal pilota, con opzione sul terzo anno, direzione Renault. Il tedesco è il pilota d'esperienza che cerca la scuderia transalpina, che segue con interesse quanto accade in Williams, chiamata ad esercitare l’opzione su Valtteri Bottas per confermare il sedile anche nel 2017.

Di quelle che sono le difficoltà tecniche e gestionali della scuderia francese ne parliamo in maniera approfondita sul numero di Autosprint in edicola. E l'incertezza è massima anzitutto sulla formazione piloti, che dovrebbe traghettare la scuderia verso quelle posizioni nei punti, l'obiettivo di quinta forza in campo nel 2017, prospettato da Fredric Vasseur e necessario per avvicinarsi al target fissato da Carlos Ghosn alla presentazione della scuderia: essere in grado di conquistare podi al terzo anno di attività. Allo stato attuale, un obiettivo molto molto ambizioso. 

Detto come la scelta di Hulkenberg in favore della Renault rappresenti un salto verso l'ignoto, vista la buona competitività della Force India attuale, per il tedesco sarebbe l'occasione di guidare per un costruttore, investendo sul lungo periodo, lui che ha 29 anni e, accostamenti ai top team negli anni scorsi a parte, non ha mai concretizzato il salto di qualità (né, a dire il vero, risultati importanti, visto che ancora manca un podio nel carniere personale).

Mark Webber lascia le corse

Nei giorni scorsi Fredric Vasseur ha confermato l’interesse su Hulkenberg, mentre Bob Fernley, vice team principal Force India, ha replicato: «Si tratta solo di illazioni, non c'è nulla. Non abbiamo avuto approcci né nulla, per quel che ci riguarda abbiamo due piloti sotto contratto». Con gli ultimi sviluppi da registrare, non resta che attendere un annuncio ufficiale sul futuro del pilota tedesco, destinato ad arrivare in Renault una volta ricevuto il via libera dalla Force India dall’impegno in essere.

Test Pirelli, Rosberg rallentato dalla pioggia