Si è chiusa con l’esibizione di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel la prima edizione delle Finali Mondiali organizzate negli Stati Uniti. La pista di Daytona ha ospitato quasi 140 Ferrari di ieri e di oggi che sono scese in pista nella giornata conclusiva,dopo che sabato sera era andata in scena la più grande parata rossa mai vista su una pista americana, con oltre 800 vetture guidate dai loro proprietari. A questo spettacolare momento ha fatto seguito la cena nella quale il Presidente Sergio Marchionne, dopo aver salutato clienti ed appassionati, ha invitato i presenti all’asta di beneficenza per  una LaFerrari unica.  La vettura è stata venduta alla cifra record di 7 milioni di dollari che verranno impiegati per un progetto di ricostruzione nell’Italia centrale colpita dal terremoto: “Si tratta di un risultato che dimostra in pieno la generosità dei nostri clienti”, ha commentato Sergio Marchionne.

Il presidente ha inoltre espresso la sua soddisfazione per l’evento di Daytona e l'importanza del mercato americano per Maranello: “Era il momento giusto per venire qui, e non è un caso che le Finali Mondiali siano state celebrate negli Stati Uniti. Questo è il nostro primo mercato e Daytona è una pista leggendaria che ci ha accolto con l’affetto di tanti appassionati e nella quale cercheremo di ritornare più di frequente”. Sergio Marchionne ha affrontato anche l’argomento Formula 1 analizzando la situazione del team: “Il cambiamento d’agosto credo rappresenti il momento di inizio della rifondazione della gestione sportiva, bisogna dar tempo ai ragazzi, stanno lavorando molto bene e vediamo cosa ci portano, ma credo che la soluzione sia questa. Ho la massima fiducia in Mattia Binotto, per quello che è stato in grado di fare nella sua carriera in Ferrari e ciò che sta facendo adesso nella gestione dei tecnici”.

Dopo l’incontro con i giornalisti Kimi e Sebastian hanno dato spettacolo al volante di due F60 esibendosi in partenze fulminee, in velocissimi pit stop, insieme ai meccanici della Scuderia, e nei tradizionali burn-out. Prima di rientrare al box, i due sono transitati appaiati sulla linea del traguardo in una citazione del celebre arrivo in parata delle tre Ferrari alla 24 Ore del 1967. Lo show era stato aperto con un ricordo dell’altra affermazione del Cavallino Rampante a Daytona, quella del 1998, quando a passare per prima sotto la bandiera a scacchi era stata la F333 SP. Sette esemplari di questa vettura hanno sfilato in pista emozionando gli appassionati americani che tante gare l’hanno vista vincere a metà degli anni Novanta. Dopo di loro è stata la volta dei piloti GT al volante delle 488 e delle 458 Italia sulla quale ha girato anche Christina Nielsen, fresca vincitrice del campionato IMSA nella classe GT-D con la 488 GT3.

In precedenza erano stati assegnati i tre titoli mondiali del monomarca Ferrari, andati, rispettivamente, a Carlos Kauffmann, del team Ferrari of Ft. Lauderdale, nel Trofeo Pirelli, a Sam Smeeth (Stratstone Ferrari) nel trofeo Pirelli Pro e a Thomas Loefflad nella Coppa Shell (StileF Squadra Corse). Anche i clienti di F1 Clienti e Programmi XX sono tornati in pista per le ultime sessioni regalando ancora una volta agli appassionati il brivido di vedere in azione tante delle monoposto che hanno caratterizzato gli ultimi anni di Formula 1 così come le potentissime FXX K da oltre mille cavalli. L'appuntamento con le Finali Mondiali è per il 2017, quando la grande festa rossa tornerà in Italia, sul circuito del Mugello