E' una Ferrari che cattura l'attenzione. Si discute intorno alle soluzioni tecniche, come i condotti integrati sul fondo, e si discute del comportamento in pista della SF70H. Dopo la prima sessione di test, Helmut Marko dubitava dell'effettiva velocità del progetto 2017, insinuando il dubbio dei carichi di carburante diversi e anticipando una Red Bull che ancora non aveva mostrato il vero potenziale.

Di altro tenore sono le impressioni avute da Niki Lauda e vanno a sommarsi alle considerazioni di Lewis Hamilton: «Credo che la Ferrari potrebbe essere la favorita e non possiamo perderli di vista. Al momento hanno fatto un buon lavoro, la Red Bull è sembrata anche piuttosto veloce, dovremo vedere nei prossimi giorni e, soprattutto, nelle settimane successive. Credo sarà una lotta ravvicinata alla prima gara».

I test volgono alle battute conclusive, ci sarà però ancora tempo per lavorare e portare le ultime novità in pista a Melbourne, giornate extra prima di imbarcare il materiale alla volta dell'Australia. I riscontri affidabilistici della SF70H sono molto positivi e il presidente Marchionne, dal Salone di Ginevra, non ha mascherato la spasmodica attenzione su quanto accadeva a Barcellona.

Lì dove Lauda ha osservato la macchina da bordo pista: «La Ferrari sembra essere la più veloce, è come sui binari. La nostra Mercedes l'ho vista un po' più nervosa in curva. Al momento, la Ferrari è in cima alla mia lista. Stanno affrontando il loro programma di test come abbiamo fatto noi negli anni scorsi», ha commentato ad Auto Motor und Sport. E nel confronto tra big, su Red Bull ha aggiunto: «Al momento, non rappresentano la grande sorpresa».

Le mercedes continuano a macinare