Venticinque anni dopo, le strade di Paddy Lowe e della Williams si incrociano nuovamente. Responsabile dell'area tecnica del gruppo, questo il ruolo dell'ex direttore tecnico esecutivo Mercedes, il cui approdo a Grove era dato per certo sin dallo scorso dicembre. Avrà compiti gestionali più ampi di quelli in capo a un direttore tecnico, tanto più considerando la quota azionaria rilevata e che gli assicura un posto nel consiglio di amministrazione, accanto a Claire Williams e Mike O'Driscoll, amministratore delegato di Williams Group, figure con le quali sarà responsabile della gestione quotidiana del gruppo.

Operativo dal 16 marzo, recita la nota con cui il team ha ufficializzato l'accordo. Una carriera in Formula 1 iniziata nel 1987, da ingegnere dei sistemi di controllo, accanto a Patrick Head e Adrian Newey; in Williams fino al 1992, stagione del mondiale di Mansell, contribuì attivamente allo sviluppo delle sospensioni attive, più che mai tornate d'attualità oggi. All'esperienza in Williams seguì il passaggio in McLaren a capo del reparto ricerca e sviluppo prima fino a diventare direttore tecnico, ruolo che avrà anche tra il 2013 e il 2016 in Mercedes. Un curriculum lungo 29 anni, nei quali ha contribuito alla conquista di 7 titoli piloti e 5 costruttori.

«Ho sempre nutrito un profondo rispetto per Williams, il mio primo team in Formula 1. E' un onore enorme tornare con questa posizione di leadership e avere l'opportunità di diventare azionista. Sono estremamente motivato a dare il mio contributo per riportare il team al successo», le parole di Paddy Lowe. «La forte visione del futuro del consiglio di amministrazione Williams è il motivo che mi ha spinto a unirmi a una struttura impegnata a tornare nuovamente al vertice della Formula 1. Non vedo l'ora di iniziare questa nuova emozionante fase della mia carriera, lavorando con Claire (Williams, direttore commerciale e team principal della scuderia), Mike (O'Driscoll, CEO del gruppo; ndr) e Nick (Rose, presidente non esecutivo del CdA) e con tutto il resto di questo grande team, in particolare con Frank».

Compiti più ampi per Lowe di quanto non avesse in Mercedes, e Claire Williams ha commentato così il ritorno del tecnico alla scuderia: «Avere un tecnico del calibro di Paddy e con le sue competenze ingeneristiche non solo è una spinta al morale di tutti in Williams, ma so che costituirà un supporto importante ai nostri sforzi per tornare nelle posizioni di testa della griglia. Servono i migliori talenti per vincere gare e campionati, siamo convinti che Paddy lo sia, al tempo stesso è un leader in grado di guidare il cambiamento. Si tratta di un arrivo che stravolgerà il nostro gioco e ci rende estremamente emozionati sul futuro».

F1, la resurrezzione di Felipe Massa