In 11 secondi e 7 decimi appena si concentra una delle sfide più impegnative dell'anno per i freni delle monoposto. Il Gran Premio del Canada rappresenta il primo banco di prova dei quattro appuntamenti del mondiale individuati da Brembo come più duri sull'impianto frenante. Montreal al pari di Singapore, Città del Messico, Abu Dhabi. Piste dalle caratteristiche e con criticità frutto di condizioni diverse. Il Circuit Gilles Villeneuve vede il 17% del giro trascorso con il piede sinistro in azione, a esercitare, nell'arco dei 70 giri di gara, ben 72,5 tonnellate di pressione sul pedale. 

Sei punti di frenata raggiungono e superano i 4,5G di decelerazione, quattro staccate sono catalogate come impegnative, 2 di media intensità, 1 ritenuta "light".  Con l'eccezione del dritto posto tra il tornantino e la chicane del Muro dei Campioni, il susseguirsi nel primo e secondo settore di sei frenate ravvicinate offre poche possibilità di raffreddamento di pinze e dischi. Spessore di 32 millimetri quest'anno, configurazione da 1.400 fori per dissipare al meglio il calore. E la sfida sarà più dura che in passato per i livelli di grip superiore offerto dalle monoposto. 

La decelerazione più elevata si tocca in curva 8, la staccata sotto il ponte vede le monoposto passare da 297 km/h a 130 km/h in appena un secondo e sei decimi di azionamento del pedale del freno con un carico di 160 kg per generare 4.8G di decelerazione. Valori appena inferiori, 4.7G in curva 13, dove si arriva a 322 km/h e in un secondo e sei decimi si frena fino a 148 km/h, in uno spazio di appena 49 metri e con 161 kg di pressione sul freno: 2.379 i kW sviluppati. 

Sterzi a parte: E se fosse l'anno d'oro dei giapponesi?

La frenata del tornante su curva 10 si segnala, invece, per la "lunghezza" della zona di staccata: 63 metri. In 2"44 si abbatte la velocità da 292 km/h a 68 km/h, delta che rende il punto interessante per un tentativo di sorpasso. 

Nell'arco del Gran Premio del Canada, ciascun pilota sviluppa energia in frenata per 179 kWh, equivalente, secondo i dati elaborati da Brembo, al consumo orario di 62 famiglie del Quebec.

Wolff: "Dovremo lottare per ogni punto"