Non sarà Honda il partner motorista Sauber nel 2018. Arriva l’ufficialità su quelle che sono nate prima come indiscrezioni, poi guadagnato concretezza con le parole di Vasseur, fresco di nomina a nuovo team principal della scuderia e amministratore delegato di Sauber Motorsport AG. L’accordo definito da Monisha Kaltenborn con Masashi Yamamoto, direttore generale della divisione Motorsport di Honda, è stato cancellato di comune accordo.  

«Avevamo costruito una buona relazione con Sauber ed eravamo proiettati verso una collaborazione in Formula 1 nel 2018. A seguito di discussioni dopo i cambiamenti manageriali nel team abbiamo raggiunto un mutuo accordo per cancellare il progetto per le differenze sulle direzioni future di entrambe le parti.

Vogliamo ringraziare Sauber per la collaborazione e gli auguriamo il meglio per il loro futuro. Nonostante questo annuncio, la passione Honda per il motorsport e il forte impegno sulla Formula 1 restano immutati». Così Yamamoto. 

Concretizzato il “divorzio” adesso si aprono tre possibili strade davanti alla scuderia elvetica. La continuità vorrebbe il prolungamento dell'accordo di fornitura 2018 con Ferrari, attualmente partner con una power unit 2016. Se la preoccupazione di Vasseur è di creare un team competitivo e in grado di sollevarsi dall'ultima fila in griglia, dovrà puntare a una power unit della stagione in corso; l'alternativa è inseguire una fornitura Mercedes, per l'ultima volta su una Sauber nella stagione 1994, senza dimenticare i trascorsi nella serie Sport Prototipi. La terza via sarebbe quella Renault. Verosimilmente in gioco ci sarà anche un sedile.

«E’ davvero una situazione sfortunata dover interrompere la collaborazione in programma con Honda in questa fase. E’ una decisione presa per ragioni strategiche e con le migliori intenzioni, e con il futuro del team Sauber in mente. Vorremmo ringraziare Honda per la collaborazione e gli auguriamo il meglio per il loro futuro in Formula 1», ha spiegato Vasseur.

Alonso: futuro incerto e presente di speranza