C'è una serie da interrompere subito, prima che sia troppo tardi. La Ferrari a Singapore può dare un colpo di spugna alla debacle di Monza, come accadde in Ungheria dopo le difficoltà di Silverstone. Serve riallacciare il filo con la vittoria, consapevoli della propria forza su circuiti tortuosi, caldi e da alto carico aerodinamico; al tempo stesso c'è l'incognita della sfida che saprà lanciare Mercedes.

Il dominio nel Gran Premio d'Italia ha messo le ali a Lewis Hamilton, galvanizzato dalla prestazione della Mercedes W08. E se dopo l'ottima gara Spa Sebastian Vettel, per sottolineare i progressi Ferrari, disse che la competitività della Rossa a Silverstone sarebbe stata diversa se si fosse corso nuovamente il gran premio, uguale valutazione la fa Lewis Hamilton guardando al Gran Premio d'Ungheria, in prospettiva Singapore. 

«La macchina continua a progredire e la nostra comprensione migliora di continuo. Forse, se tornassimo ad esempio in Ungheria, oggi saremmo in una posizione migliore. Andrò a Singapore approcciandola con una mentalità davvero positiva, di poter lottare per la vittoria. Se non sarà così, quando saremo in pista la prenderemo per quello che è, provando a limitare i danni»

Le lezioni apprese a Montecarlo dalla Mercedes hanno prodotto un netto recupero, uguale passo avanti ha saputo compiere la Ferrari dopo Silverstone, tanto da presentarsi a Spa in uno stato di forma inatteso. La prossima mano spetta alle Frecce d'argento, dimostrare che Singapore può essere terreno buono per sfidare Vettel con la stessa forza vista a Monza. «Farò tutto il possibile per arrivare preparato al meglio. Non avremo idea di quale sarà lo scenario finché non saremo in pista, credo tuttavia che abbiamo imparato molte cose dal passato anche se la Ferrari su una pista calda è solitamente migliore. Penso riusciremo a sfidarli».

Nel mirino: Ferrari, passo corto e fiato corto sui rettilinei di Monza

Dalla gran festa Mercedes in casa del nemico Lewis sottolinea quanto già spiegato da Toto Wolff, ovvero, un progetto, la W08, affinato in continuazione e sempre meglio interpretato dal team. «La squadra ha mostrato nelle ultime di settimane una tale forza del collettivo. Non c'è stato nessun errore in alcun settore del team in termini di piena comprensione della macchina e di estrazione di ogni goccia del potenziale che ha. Per questo avete visto quella velocità. Dovremo assicurarci di continuare a farlo nelle prossime gare».

Wolff e il sorprendente passo indietro Ferrari