Semmai servisse a ricordare il potenziale, esibisce il biglietto da visita nel momento giusto. Singapore è stato week end di annunci, anche di Carlos Sainz in Renault. Dal 2018. Rumours nel paddock già da Sepang, prossima tappa del mondiale, al posto di Palmer, reduce dai primi punti stagionali e da una prestazione finalmente di rilievo, con tanto di sorpasso su Bottas quale stelletta da appuntarsi al petto. Insieme alle clausole contrattuali, basterà per tenersi il sedile fino ad Abu Dhabi?

Un Sainz concentrato sull'obiettivo, «Leave me alone» via radio all'ingegnere di pista Marco Matassa dopo aver passato Ocon e a caccia di Vandoorne, a inizio gara, poi la posizione recuperata su Hulkenberg - scavalcato grazie alla mancata sosta sotto safety car al dodicesimo giro - e in controllo su Perez nel finale (corso su gomma supersoft anziché ultrasoft) porta a casa un quarto posto che vale la miglior prestazione in carriera ma soprattutto 12 punti che rilanciano alla grande la scuderia di Faenza nella corsa al quinto posto.

Williams appena 2 lunghezze davanti, in una sfida che registra l'ennesima defezione di Daniil Kvyat. Contro le barriere e un contributo troppo limitato quest'anno alla causa Toro Rosso, visti i 4 punti in classifica. «Probabilmente è stata la mia giornata migliore in Formula 1. Dopo un fine settimana con così tanta attenzione mediatica intorno al mio futuro, mettere insieme un week end perfetto, con la qualifica anzitutto e con una gara senza errori, chiusa in quarta posizione, è il modo migliore di celebrare un week end difficile ma che ricorderò», ha raccontato Carlos dopo la gara.

Sterzi a parte: Kimi Raikkonen e Carletto Mazzone

Se saranno i titoli di coda su tre stagioni in Toro Rosso lo scopriremo presto, viceversa Sainz continuerà a essere asset fondamentale per provare a scavalcare la Williams nel mondiale Costruttori. «Ancora non sto pensando che potrebbe essere la mia ultima gara. Dall'annuncio del passaggio in Renault ho detto al team, al mio gruppo di ingegneri, ai meccanici, "Affrontiamo questo week end, facciamolo alla perfezione, non preoccupiamoci di cosa accadrà dopo". Mi hanno mostrato un grandissimo sostegno, mi hanno detto che sono estremamente contenti per me e il mio futuro. Insieme abbiamo realizzato il week end perfetto e siamo stati super motivati. Sono molto fiero di loro e li ringrazio perché sono stati un supporto grandioso».

Nel mirino: Sfatiamo i luoghi comuni sull'incidente di Singapore