Hartley-Kvyat sarà l'accoppiata Toro Rosso nel week end del Gran premio degli USA. Il nome del pilota neo zelandese è emerso come candidato favorito a sostituire Pierre Gasly, impegnato a Suzuka nell'ultima gara del campionato Super Formula, con possibilità di vittoria del titolo, visto il mezzo punto di distacco da Hiroaki Ishiura. 

Per Brandon Hartley si tratterà di un ritorno al volante di una Formula 1. Già nel 2008, appena diciottenne, effettuò dei test con Toro Rosso, dopo aver vinto il campionato World Series nel 2007, ma il programma Red Bull non gli offrì mai la chance del gran salto, restando confinato al ruolo di pilota di riserva nel 2009.

Dopo aver ripiegato nelle categorie GT, l'opportunità per dare una svolta alla carriera arriva nel 2014, quando Porsche lo ingaggia per correre nel WEC con Webber e Bernhard sulla 919 Hybrid. Titolo mondiale piloti centrato nel 2015, vittoria della 24 Ore di Le Mans quest'anno. 

Hartley e Bamber dal Down Under alla vittoria a Le Mans

In attesa dell'annuncio Toro Rosso del pilota che rimpiazzerà Gasly, in casa Porsche hanno bollato le voci su Hartley come speculazioni, precisando, tuttavia, come  «dal punto di vista di Porsche, qualsiasi richiesta in tal senso non sarebbe un problema. L'unica limitazione per ogni nostro pilota dopo Le Mans è che non siano in una situazione nella quale sono in competizione con Porsche o qualsiasi altro marchio del gruppo Volkswagen. E' accaduta la stessa cosa con la partecipazione di Brendon e la vittoria lo scorso week end alla Petit Le Mans». Queste le parole di un portavoce Porsche rese a racer.com. 

L'eventuale impegno a Austin per Hartley arriverebbe a un mese dalla vittoria centrata con Porsche 919 Hybrid nella 6 Ore del Circuit of the Americas.