Flavio Briatore torna a parlare di Formula 1. L’imprenditore, ex team principal Benetton, ha commentato sul quotidiano spagnolo Marca l’attuale situazione della Scuderia Ferrari e la decisione di mantenere anche per il 2018 l’attuale line-up.

Ossia l’accoppiata Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Io non avrei rinnovato entrambi i piloti, sicuramente –dice Briatore-. Con Raikkonen è molto difficile vincere il titolo costruttori. Per vincere devi avere due piloti competitivi e poi è necessario indicare chi deve puntare al titolo piloti. Vettel va bene ma io non avrei confermato Raikkonen”.

Il mentore di Alonso ritiene infatti che la costanza di entrambi i piloti sia condizione necessaria per vincere entrambi i titolo: “Una gara si può vincere o perdere ma il campionato è diverso, è un po’ come il Giro d’Italia, dove vince il più resistente. E i più forti sono stati Hamilton e la Mercedes, nonostante la Ferrari abbia fatto molto bene a inizio stagione: credo che Mercedes abbia fatto un ottimo lavoro di sviluppo. E Lewis quest’anno ha guidato alla grande”

Per Briatore il momento decisivo della stagione è l’incidente di Singapore, controverso episodio che ha coinvolto entrambi i ferraristi e Max Verstappen, con le due Rosse subito costrette al ritiro: “E’ stato il peggiore. In una gara si può rompere o si può cambiare il motore, ma l’incidente tra Vettel, Raikkonen e Verstappen è stato mortale. Quando si sta correndo non ci si dovrebbe assumere un rischio del genere. Andarsene con zero punti è stato un brutto colpo. Quando sei in lotta per il titolo, una cosa del genere influenza tutto l’ambiente, dal primo a l’ultimo meccanico”.