A un anno esatto dalle lacrime nella pioggia di Interlagos, Felipe Massa annuncia il (definitivo) ritiro dalla Formula 1. La stagione 2017 per il brasiliano è stata una versione motoristica dei "100 giorni" napoleonici, un ritorno del piccolo pilota che nelle prime 18 gare del calendario ha totalizzato 36 punti e due sesti posti come miglior piazzamento. 

Ma ora in Williams hanno deciso di cambiare, nonostante l'impegno di Massa, cui non sarebbe certo dispiaciuto correre un'altra sagione. La team principal Claire Williams ha commentato: "Vorrei ringraziare Feliper per tutto ciò che ha fatto per il team negli ultimi quattro anno. È stato un vero piacere lavorare con lui. E gli siamo grati di aver posticipato di un anno il suo ritiro, dopo che Valtteri (Bottas, Ndr) è andato in Mercedes. Ciò ha dimostrato la profondità del rapporto che abbiamo costruito nel tempo".

Massa corre con Williams dal 2014 e ha ottenuto il miglior risultato lo scorso anno, chiudendo al 5° posto in classifica. Da parte sua il pilota ha dichiarato: "Come noto, dopo aver annunciato il mio ritiro ho accettato di tornare per aiutare Williams. Mi sono goduto tutti e quattro gli anni con il team ma ora, finalmente, la mia carriera in Formula 1 arriva al termine. Porto con me grandi ricordi e le ultime due gare per me saranno emozionanti. Ma non vedo l'ora di prepararmi per un nuovo capitolo della mia carriera"

La carriera di Massa in Formula 1 è iniziata nel 2002 con Sauber, con cui ha disputato tre stagioni prima del passaggio in Ferrari, scuderia con cui ha conquistato 11 successi e sfiorato il titolo mondiale nel 2008. Felipe lascia il Circus ma non il volante e attendiamo di sapere dove andrà a correre (forse in Formula E) e per quale team. Ma ancor più attendiamo di conoscere il nome del suo sostituto in Williams. I due nomi più papabili, su cui Massa ha già espresso perplessità, per affiancare Lance Stroll nel 2018 sono Paul Di Resta, che quest'anno ha sostituito Massa nelle qualifiche del GP d'Ungheria, e il redivivo Robert Kubica, reduce da soddisfacenti test con il team a Silverstone. Senza dimenticare Daniil Kvyat, recentemente scaricato da Toro Rosso e Red Bull