Scritta la parola fine suil campionato, per Mercedes come per tutti gli altri team è tempo di guardare esclusivamente al 2018. Tanto più a lungo si protrae la lotta per il campionato, tanto più serve bilanciare le risorse in fabbrica tra programmazione del futuro e attualità. La stabilità regolamentare permette di lavorare in continuità tra i progetti, a maggior ragione quando la base di partenza è vincente. In Mercedes sfrutteranno i due venerdì di libere in Brasile e Abu Dhabi per testare soluzioni nuove, dalle quali ottenere dati e confrontarli con i numeri delle simulazioni in fabbrica.

Spazio anche per novità in pit-lane, da provare sul campo durante i pit-stop. Anticipazioni che accendono ancor di più i riflettori sulle prove libere 1, alla ricerca delle modifiche alla W08. E i nuovi componenti non è escluso vengano portati anche in gara.

«Potrebbe esserci la tentazione di credere che, con entrambi i campionati ora al sicuro, la pressione sulle due gare restanti sia svanita. Ma non potrebbe essere più lontana dalla verità. Nel team guardiamo ai prossimi due week end come i primi due gran premi del 2018. Abbiamo due gare che vogliamo vincere per portare lo slancio positivo in inverno. Non ci saranno rilassamenti dall’aver chiuso le pratiche per il campionato», commenta Toto Wolff.

Per le squadre che già da tempo non hanno più nulla da chiedere al 2017, la sperimentazione di nuove parti pensate per i progetti 2018 è già scesa in pista. Tutti dovranno attendere, invece, i test dopo il Gran Premio di Abu Dhabi per scoprire le nuove gomme Pirelli, una gamma destinata a rivedere le mescole.

Toto Wolff assicura che non cambierà approccio, l’aver già i due titoli al sicuro: «Puntiamo a eccellere in qualsiasi cosa facciamo, dal primo giro dello shakedown invernale a Silverstone all’ultimo giro del test di Abu Dhabi a fine campionato. E ogni volta che corriamo, lo facciamo per vincere. Questa è la mentalità che porteremo a San Paolo.

Alonso, test con Toyota all'orizzonte

Lewis è al massimo della sua forza adesso e sarà determinato ad aggiungere un’altra vittoria al successo dello scorso anno. Valtteri ha compiuto un promettente passo avanti in Messico è ripartirà da lì a Interlagos». Brasile che vide dominare Hamilton un anno fa. Oggi si arriva a Interlagos con la minaccia Red Bull da arginare e una Ferrari in cerca di una vittoria che manca da luglio: «Come hanno mostrato i recenti appuntamenti, non è mai semplice vincere i gran premi. Red Bull ha ottenuto due vittorie nelle ultime quattro gare e, pur avendo vinto gli altri due noi, la Ferrari resta un avversario temibile. Con il campionato deciso, è già iniziata la battaglia per il 2018».

Ricciardo: il rinnovo non si deciderà sui soldi