L’attuale gamma pneumatici Pirelli, fornitore unico della Formula 1 perlomeno fino al 2019, comprende attualmente sette diverse tipologie di gomma. Partendo dalla mescola più morbida troviamo la Ultrasoft con banda porpora, introdotta nel 2016, poi scendendo nella scala le Supersoft rosse, Soft gialle, Medium bianche, Hard arancio; cui si aggiungono le Intermediate verdi per asfalto bagnato (possono scaricare fino a 25 litri d’acqua al secondo) e le Wet blu per affrontare la pioggia intensa. 

Il gommista milanese sta tuttavia valutando, in concerto con Fia e Formula 1, di introdurre una nuova mescola, ancora più morbida. Lanciando un sondaggio agli appassionati via Twitter, per decidere l’eventuale nome: Megasoft, Extremesoft o Hypersoft? L’obiettivo di fondo è sempre il medesimo, cercare di rendere più incerti i gran premi e la nuova mescola sarebbe pensata per i tracciati che offrono meno grip. 

Martedì McLaren avrebbe dovuto effettuare una sessione di test (poi cancellata per problemi di sicurezza) a Interlagos con Stoffel Vandoorne, proprio per testare le nuove soluzioni e durante il GP del Brasile Mario Isola, direttore Pirelli motorsport, ha dichiarato ai microfoni di Sky:  “Stiamo valutando diverse opzioni e dopo il test con McLaren avremo un’idea più chiara sul da farsi. Qui ad Interlagos cercheremo di prendere una decisione definitiva sul 2018, così da portare le mescole definitive già nei prossimi test di Abu Dhabi. Tra queste c’è l’opportunità di inserire una o più mescole, ma nulla è stato ancora deciso. Sicuramente l’obiettivo sarà rendere la gamma più vicina al morbido, abbassando di un grado ogni compound. La gomma dura di quest’anno non ha funzionato granché, ragion per cui valuteremo delle soluzioni per il 2018”.