Ultimo Consiglio mondiale della FIA dell’anno e ultimi provvedimenti regolamentari adottati o ratificati. Dalla riunione a Parigi, arriva non solo la conferma di misure sportive e tecniche già inserite nella bozza di regolamento tecnico diramata lo scorso settembre, come le nuove disposizioni in materia di olio utilizzato come combustibile, ma anche un adeguamento della procedura per semplificare gli arretramenti in griglia di partenza in caso di utilizzo di componenti della power unit oltre il limite consentito.

Il tema è spinoso e si annuncia di grandissima attualità nel 2018, considerato il limite di 3 motori termici, turbocompressori e MGU-H, 2 MGU-K, centraline elettroniche e pacchi batterie (che dovranno avere un peso e volume minimo) consentiti prima che scatti la penalità.

Il pilota che dovesse subire una penalizzazione superiore alle 15 posizioni, partirà dal fondo dello schieramento. Nel caso in cui fossero più d’uno i piloti costretti ad arretrare, anziché ricorrere a cervellotiche procedure – fino al 2017 l’applicazione della penalità avveniva nell’ordine in cui i piloti uscivano dalla pitlane in Q1 – si semplifica disponendo i piloti sul fondo dello schieramento nell’ordine in cui è stata commessa l’infrazione. Portando un esempio, quindi, il pilota che comunicherà alla direzione gara il cambio di componenti al venerdì, partirà sul fondo dello schieramento, ma davanti a chi comunicherà una sostituzione di componenti (sempre pari o uguale per arretramento a 15 posizioni) al sabato.

In materia di olio utilizzato come carburante, oltre alla riduzione a 0,6 kg/100 km di quantità ammessa al consumo, già nota dalla bozza di Regolamento Tecnico 2018, è previsto il divieto di utilizzare ogni sistema di valvole a controllo attivo tra qualsiasi parte della power unit e i condotti di aspirazione (art. 7.9), la misurazione del livello dell’olio nel serbatoio principale – al quale è collegata la pompa dell’olio – dev’essere in ogni momento resa disponibile al controllo della FIA, l’olio che verrà impiegato durante ogni evento andrà dichiarato prima dell’evento stesso (art. 20.1), in aggiunta dovrà essere sottoposto alla FIA un campione con un riferimento numerico e le caratteristiche dell’olio, infine, non si potrà utilizzare più di una specifica di olio per week end di gara.

Ancora sul fronte sportivo, nel 2018 sarà garantita maggior flessibilità nella gestione degli orari del week end di gara, variazione alla quale abbiamo assistito nel week end del GP degli USA, a Austin è stato concesso agli organizzatori di spostare la qualifica in avanti rispetto alle consuete 2 ore dalla conclusione delle prove libere 3. Variazione che, a dire degli organizzatori, ha permesso un incremento di presenze sulle tribune.

Caschi d'Oro, tra un grande passato e un futuro entusiasmante

Ratificate anche le disposizioni sull’impiego di macchine dell’anno precedente in eventi dimostrativi, limitate a 50 km e con gomme realizzate per tali show, così da favorire manifestazioni come quella di Londra. 

Isola: Hypersoft non nasce come gomma da qualifica