Dopo i test di Abu Dhabi, aveva espresso chiaramente le proprie ambizioni: non una gita premio, ma un'ambizione reale di poter correre in Formula 1 e contendere il sedile a Robert Kubica. Potrebbero essere più di naturali speranze, quelle riposte da Sergei Sirotkin sulla scelta Williams sul pilota da affiancare a Lance Stroll.

E se dal team non fissano ancora alcuna data entro la quale annunciare l'ultimo sedile disponibile in griglia, dall'ambiente SMP Racing, scuderia per la quale Sirotkin ha corso a Le Mans quest'anno, arrivano le parole di Mika Salo, direttore sportivo: «Si avvicina il momento della scelta, è tra lui e Kubica. Entrambi hanno svolto un buon lavoro nei test di Abu Dhabi. Williams adesso deve prendere una decisione, vedremo quale pilota sceglierà».

L'ago della bilancia pende in favore del russo, che può contare anche su un corposo supporto finanziario, garantito da Boris Rotenberg, fondatore di SMP Bank, sponsor dell'omonimo team e finanziatore della carriera di Sirotkin. Varrebbe qualcosa come 12 milioni di euro, la valigia accostata al pilota. 

Dovesse confermarsi un'accoppiata Sirotkin-Stroll, gli interrogativi sulle capacità di indirizzare lo sviluppo tecnico nell'arco di un campionato appaiono naturali, tanto più per un team che ha ammesso di essere stato scavalcato durante l'anno proprio sul fronte dell'evoluzione della monoposto.