La presentazione ufficiale della nuova Toro Rosso per il 2018 era già fissata per la mattina di lunedì 26 febbraio in pitlane a Barcellona, appena prima dell'inizio dei test prestagionali. Ma così come hanno già fatto altri, in primis i "cugini" inglesi della Red Bull, il team di Faenza ha preferito evitare il rischio che piccoli inconvenienti di gioventù potessero far perdere tempo prezioso a Montmelò.

Così appena possibile hanno effettuato uno shake-down (una serie di giri per verificare giusto che tutto funzionasse, cioè) con Brendon Hartley e Pierre Gasly sulla pista bagnata di Misano Adriatico, spacciandolo anche in questo caso come "filming day". Difficile però che una Formula Uno possa girare al Santamonica senza che nessuno se ne accorga, e così ha cominciato a circolare una prima immagine della nuova STR13, foto che in seguito è stata "ufficializzata" dalla stessa squadra con un proprio tweet.

A parte la livrea pressoché invariata, ciò che è già possibile notare da questa prima immagine è che l'elegante musetto della STR12 del 2017 è sparito, per far posto a una forma più convenzionale e allineata con quelle di altre monoposto. Resta invece la soluzione degli attacchi rialzati per i mozzi anteriori, che del resto ha trovato proseliti, mentre per deviatori e pance sembra vi sia una semplice rifinitura evolutiva di quanto già visto negli scorsi test postcampionato a Yas Marina.

Anche in questo caso sull'halo è montato un profilo aerodinamico aggiuntivo ed è stata maggiorata la presa d'aria all'apice del cofano motore, pure qui con pinna ridimensionata dalle nuove disposizioni regolamentari. Per ulteriori dettagli sarà meglio aspettare Barcellona, ma intanto almeno la STR13 sembra aver girato senza particolari problemi, come invece temeva chi vedeva un rischio nell'adozione della motorizzazione Honda.