Lo scorso anno, Barcellona, fu l'occasione per lanciare il Fan Festival e offrire un modo nuovo di vivere il week end di gara in pista. Il Gran Premio di Spagna 2018, invece, vedrà il debutto di F1 Vision. Servizio a lungo prospettato, rivolto ai tifosi sulle tribune, che potranno vivere la corsa con il supporto di un dispositivo mobile, 5 pollici di display touchscreen, sul quale troveranno non solo i tradizionali dati già disponibili attraverso la app ufficiale della Formula 1, ma avranno la copertura in diretta del gran premio, una selezione di highlights durante la corsa, oltre alle statistiche, i tempi, le comunicazioni radio.

Rivolto agli appassionati che vivono la gara sul divano di casa o in mobilità è, invece, F1 TV Access. Annunciato prima del Gran Premio d'Australia, il servizio è adesso concretamente disponibile anche in Italia, in abbonamento mensile (2,99 euro) o annuale (24,29 euro) e ricalca i contenuti proposti dalla app F1, ampliati dall'offerta della replica del gran premio dopo le 24:00, una selezione di gare integrali e highlights dall'archivio storico, documentari su piloti, scuderie e tecnica della Formula 1, nonché la replica delle gare di Formula 2, GP3 e Porsche Supercup.

In funzione degli accordi raggiunti con i detentori dei diritti televisivi nei diversi Paesi, in alcune aree sarà offerto un servizio dalla copertura ancor più ampia, ribattezzato F1 TV Pro, che rispetto al TV Access proporrà lo streaming in diretta dei gran premi e le riprese onboard. In Francia, il costo dell'abbonamento annuale è di 170,99 euro.

Gi orari del GP di Spagna in tv

Prende forma concreta quel piano di rinnovamento del modo di fruire la Formula 1, ricorrendo allo streaming su dispositivi mobili e, di fatto, on demand, al quale ha puntato sin dall'insediamento Liberty Media. Inizialmente, TV Access e Pro saranno accessibili da pc, smartphone e iPad, con una rapida espansione verso Apple TV, Android TV e la piattaforma Amazon Fire TV.