Commentare il successo di Lewis Hamilton al GP di Spagna non richiede particolari sforzi semantici: gara perfetta. Il pilota Mercedes è scattato bene dalla pole, per poi vincere in solitaria mentre alle sue spalle Vettel cercava senza successo di contendere il secondo posto al compagno di squadra Bottas, secondo al traguardo per regalare al team guidato da Toto Wolff la prima doppietta dell'anno.

Se Ferrari non è riuscita a far funzionare a dovere le gomme, Mercedes non ha avuto alcun problema al riguardo. Hamilton durante i primi giri con pneumatici soft ha martellato prendendo il largo, per poi gestire la seconda fase di gara, corsa con gomme medium senza particolari problemi di degrado e cali di performance.

Barcellona è feudo Mercedes e Hamilton oggi ha ribadito il concetto, centrando il secondo successo consecutivo dopo la rocambolesca vittoria di Baku. Voleva dare una dimostrazione di forza, l'ha data eccome. Dopo aver tagliato il traguardo è sceso dalla sua W09 raggiante, commentando: Oggi in macchina ho sentito quella sinergia che non avevo ancora provato in tutta la stagione. Due vittorie di fila sono un bel punto di partenza, è bello rivedere questa forza all’interno del team”.

The Hammer spazza via i dubbi accumulatisi durante i primi quattro gran premi: "Sognavo una gara come questa, sono arrivato a questo weekend con una grande voglia di vincere, ma io voglio sempre vincere nel modo giusto. Il successo di Baku è stato un po' fortunoso e volevo capire se potevo tornare davanti con le mie forze, quindi sono stato davvero molto contento quando ho tagliato il traguardo, perché sono stato molto regolare, non ho commesso alcun errore e nel complesso mi sono divertito".

Mercedes perfetta ma Ferrari in evidente difficoltà: "Magari abbiamo avuto anche un po' di fortuna perché questa è una pista che ci si addice molto. Spero che questa sia la Mercedes che vedremo per tutto il resto dell'anno".

Hamilton lascia la Spagna staccando Vettel in classifica, dove comanda con 95 punti. Il prossimo round è tra due settimane a Montecarlo e il britannico si sente di poter escludere le Ferrari dalle pretendenti alla vittoria: "Oggi la Red Bull era molto veloce nell'ultimo settore, quindi credo che sarà molto difficile stare al loro passo a Montecarlo".