Il venerdì di Hockenheim va in archivio con differenze cronometriche nell’ordine dei millesimi, Verstappen davanti, Hamilton incollato, Vettel appena dietro e autore di un giro buono - che vale la quarta prestazione - non esattamente perfetto. C’è margine per migliorare e far progredire la Ferrari SF71H verso un sabato che potrebbe presentare condizioni ambientali diverse, forse anche la pioggia.

Libere 2 disputate ai 46° C di un asfalto bollente e sul quale gestire le mescole più morbide portate dalla Pirelli. Kimi Raikkonen prospetta uno scenario simil-austriaco, lui che ha effettuato il long run su gomma Ultrasoft, diversamente da Vettel, impegnato su gomma media per buona parte dello stint: «Sicuramente se la temperatura resterà così calda la gestione gomma sarà importante. Domani potrebbero esserci condizioni piuttosto diverse, vedremo domenica: se sarà così caldo sarà come in Austria, con gomme messe a dura prova e chi farà il lavoro migliore avrà un vantaggio».

Il passo di Vettel sulla simulazione gara da 20 giri e gomma media ha visto Seb iniziare lo stint da 1’17”7, poi 1’17”9 prima di stabilizzarsi sull’1’18” basso. Il riferimento assoluto, il 17”4 di Ricciardo su gomma Soft racconta un altro scenario e altre condizioni troverà l'australiano domenica, in rimonta dal fondo della griglia. Hamilton, invece, a parità di gomma con il ferrarista ha coperto 12 passaggi iniziando da 1’18”0, puntando a 1’18”9 come peggior passaggio e chiudendo stabile tra l’1’18”1 e un lampo a 17”9.

Indizi dei valori in campo che potrebbero esserci domenica, al netto dei progressi che arriveranno sabato e i carichi di carburante utilizzati nel corso delle libere 2.

Come d’abitudine, la base SF71H c’è, ha convinto i piloti e va perfezionata: «E’ possibile influiscano le temperature, non so il tempo che farà domani, ci sarà un po’ di pioggia. Domenica credo sarà asciutto, oggi la macchina ha funzionato bene ed è stato un venerdì normale per noi.

Abbiamo cercato di fare un po’ di tutto, non si può fare proprio tutto però credo abbiamo fatto le scelte giuste di gomme, confronti incrociati ed è andata bene. Ora dovremo vedere cosa troveremo, ci manca ancora qualcosa sul giro secco ma possiamo migliorare.

Non sono totalmente contento del giro fatto con le Ultrasoft ma nel complesso sono contento, possiamo migliorare ancora un po’», analizza Vettel.

Ferraristi che hanno fatto ricorso al secondo MGU-K e pacco batterie, motogeneratore cinetico alla seconda unità anche in casa Sauber e Haas. Da segnalare anche la prova al mattino di uno scarico modificato sulla SF71H, con i due terminali di scarico della valvola wastegate posti nella parte superiore anziché inferiore, soluzione probabilmente mirata a migliorare il soffiaggio nella zona inferiore del piano principale dell'ala.

Un normale venerdì di preparazione, sintetizzato da Kimi Raikkonen: «Non penso sia diverso da altre piste qui, siamo stati discretamente forti in gran parte delle piste, oggi è solo venerdì, è una giornata nella quale proviamo diverse cose e vediamo di imparare».