Avrà 21 anni e 5 mesi, Charles Leclerc, quando prenderà il via del Gran Premio d’Australia 2019. Sarà la sua prima da pilota Ferrari titolare in Formula 1. L’avvicendamento con Kimi Raikkonen adesso ha i crismi dell’ufficialità indiretta. Sì, perché la nota con la quale a Maranello annunciano la conclusione del rapporto con Kimi è accompagnata da un post su Instagram di Raikkonen: "Indovinate chi è tornato? I prossimi 2 anni con il team Sauber! Mi sento estramente bene a tornare dove tutto ha avuto inizio!".

La carriera ferrista di Kimi Raikkonen si concluderà esattamente con 100 gran premi all’attivo (la statistica dirà 99 partenze, visto il mancato via in Malesia lo scorso anno) dal ritorno a Maranello nel 2014. Stagione da dimenticare, la prima, poi alti e bassi, fino a un 2017 che lo ha visto tornare in pole a Monaco e un 2018 ancora più convincente, da ricordare come espressione migliore di guida e risultati nell’era turbo-ibrida, non a caso occupa il terzo posto in classifica Piloti. A 39 anni compiuti era necessario guardare avanti, al ricambio, superare il capitolo Raikkonen, che resta l’ultimo pilota ad aver vinto un titolo Piloti per la Ferrari, nel 2007.

«Scuderia Ferrari comunica che, alla fine della stagione 2018, Kimi Raikkonen lascerà il suo ruolo attuale. Durante questi anni, Kimi ha dato alla squadra un contributo fondamentale, sia in qualità di pilota, sia per le sue doti umane. Il suo ruolo è stato decisivo per la crescita del team e, al tempo stesso, è sempre stato un grande uomo-squadra», si legge nella nota con la quale è stato annunciato l'addio di Kimi.

«In qualità di campione del mondo, rimarrà sempre nella storia e nella famiglia della Scuderia. Per tutto questo lo ringraziamo e auguriamo a lui e alla sua famiglia un futuro pieno di soddisfazioni».

Andrà in Alfa Romeo-Sauber, accolto da Frederic Vasseur e dove ritroverà Simone Resta alla direzione tecnica del team. «Ingaggiare Kimi Raikkonen rappresenta un importante pilastro del nostro progetto e ci avvicina all'obiettivo di compiere progressi importanti come team nel prossimo futuro.

L'immensa esperienza di Kimi e il suo talento non solo saranno un contributo allo sviluppo della nostra macchina ma accelereranno la crescita e lo sviluppo del team nel suo insieme. Inizieremo la stagione 2019 con basi solide, guidati dalla determinazione a lottare per risultati che contano», ha commentato Vasseur.