È alla ricerca di un sedile, da libero battitore. Pascal Wehrlein non rinnoverà il contratto che lo lega a Mercedes, la notizia è arrivata nel week end di Singapore. “Parcheggiato” quest'anno nel DTM, categoria vinta nel 2015, la mancanza di un’alternativa importante da pilota gestito dalla casa di Stoccarda ha portato alla decisione di interrompere consensualmente il rapporto.

Quale futuro attende, ora, Wehrlein? Alcuni rumours lo vorrebbero in corsa per occupare un sedile in Toro Rosso, che formalizzerà i piloti 2019 a Sochi, secondo quanto anticipato da Helmut Marko. Kvyat-Wehrlein, l’abbinata che si prospetta all’orizzonte. Perché Werhlein sì e Ocon no? Proprio il legame con Mercedes è la discriminante principale. Un Ocon libero non se lo farebbe certo sfuggire Red Bull Racing. E, di una tale ipotesi, ovviamente, Toto Wolff non vuole nemmeno sentirne parlare.

La stretta attualità, aspettando l’evoluzione del fronte Toro Rosso, dice di un Wehrlein impegnato in Spagna, sul circuito di Calafat, con Mahindra. Ha svolto una sessione di prove con la scuderia indiana, impegnata a valutare diverse soluzioni sul fronte piloti in vista della Stagione 5. Il nome di Wehrlein non è la prima volta che viene accostato alla Formula E, sebbene sia la prima che effettua un test. A inizio settembre era transitata l’ipotesi HWA - riportata da e-racing365 -, squara diretta estensione di Mercedes. L’evoluzione della situazione contrattuale di Wehrlein va da sé ha modificato lo scenario.

Stagione 5 che prenderà il via a dicembre, da Al Driyadh, ma vivrà già a metà ottobre il battesimo collettivo in pista, con la quattro giorni di test a Valencia, dal 16 al 19 ottobre.