La trasferta americana della Formula 1 potrebbe ufficializzare un altro sedile solo “formalmente” ancora incerto. Con la tappa di Città del Messico è facile attendersi l’annuncio di Sergio Perez in Force India nel 2019. In realtà, i volanti contendibili in griglia, sono solo due. In Toro Rosso si attende il nome del pilota che farà coppia con Daniil Kvyat e le ultime indiscrezioni vorrebbero l’inglese Albon favorito, di recente ingaggiato da Nissan E.Dams per la Stagione 5 di Formula E, salvo essere rimpiazzato in fretta nei test di Valencia da Rowland: un indizio in più.

L’altro sedile incerto è in Williams. Chi farà coppia con George Russell? Claire Williams nei giorni scorsi ha ammesso come la rosa di candidati sia ristretta e di tenere in ovvia considerazione anche Esteban Ocon.

Sergei Sirotkin e Robert Kubica sono tra i piloti in lizza e le ultime in arrivo dalla Polonia indicano un incontro tra il pilota e i vertici del gruppo PKN Orlen, attivo nel settore petrolifero e con aziende in altri settori industriali. L'incontro peraltro è statp confermato da un portavoce della società: “In questa fase è prematuro parlare di una potenziale collaborazione o di qualsiasi altro dettaglio. Al tempo stesso confermiamo che c’è stato un incontro tra il presidente del CdA di PKN Orlen, Daniel Obajtek, e Robert Kubica”.

Su quest’incontro sono emerse ricostruzioni di stampa, provenienti dalla Russia, che vorrebbero Kubica supportato dall’azienda (che lo scorso febbraio ha firmato un memorandum d’intesa per una fusione con Lotos, storicamente compagnia vicina a Kubica). Emergono anche cifre di un possibile impegno economico, 10 milioni di dollari.

Brividi in salita a 250 Km/h con la Norma della Pikes Peak!

Ricordiamo come Sirotkin, attraverso lo sponsor SMP Racing, abbia messo sul piatto qualcosa come 14 milioni di dollari quale argomento convincente per supportare la propria candidatura 2018. E il russo resta un naturale aspirante alla permanenza, con tali premesse.

Nei mesi scorsi Robert Kubica ha confermato di lavorare sempre a un ritorno da titolare in Formula 1 nel 2019. Dopo l’incontro tenutosi a Varsavia ha commentato: “Sono tranquillo, posso solo ringraziare i miei tifosi per il supporto che mi danno. Speriamo di vederci il prossimo anno, ma se non dovesse accadere non smetterò di sorridere. Non so cosa accadrà ma posso dire che ci sto lavorando”.

Leclerc: giusto scaricarmi se non sarò veloce in Ferrari