James Key a bordo, ufficialmente. Fernando Alonso comunque lì, vicino a McLaren. Zak Brown guarda al futuro del team, un 2019 al quale si è già iniziato a lavorare da molti mesi, prossima stagione nella quale toccherà a Sainz e Norris provare a traghettare in posizioni migliori la squadra. Alonso si è spinto a prevedere un miglioramento sensibile, grazie al lavoro di sviluppo portato avanti nel corso di questa stagione.

Sul progetto MCL34 potrebbe intervenire, a stagione in corso, James Key, annunciato già in estate, nel week end di Budapest, con Red Bull Racing a fare muro e dire: no, non se ne parla. Ha un contratto e dovrà rispettarlo. Ad Abu Dhabi, Brown ha confermato: “James sarà con noi il prossimo anno”. Quando, esattamente, non è ancora stato annunciato, questione di gardening da rispettare. La progettazione della MCL34 è, ovviamente, paternità dell’attuale struttura tecnica McLaren.

“L’abbiamo ingaggiato perché crediamo abbia un grandissimo talento. Tutto il team della progettazione, Pat Fry, Andrea Stella, stanno lavorando davvero bene insieme. Questa è una parte di un percorso di recupero e mettere le persone giuste al loro posto non accade dal giorno alla notte. Siamo eccitati all’idea che inizi a lavorare, ma non ha avuto indicazioni o comunicazioni relativamente alla macchina 2019”.

Quanto al rapporto che avrà il team Formula 1 con Alonso, impegnato il prossimo anno con McLaren Indycar, struttura affidata alla gestione di Bob Fernley, Brown non ha escluso che possa testare la nuova monoposto. “Finché non avremo una terza macchina sarà difficile farlo girare, saremo disponibili se vorrà provare la macchina, ma in questo momento non c’è spazio.

Stiamo lavorando per capire quale potrà essere il nostro rapporto sul lungo periodo, Fernando non ha ancora smesso. Andremo insieme a Indianapolis, stiamo guardando ad altre opportunità, come è stato detto c’è il WEC, un impegno in Indycar a tempo pieno.

Continuerà a far parte della famiglia, la sua esperienza la sua influenza saranno d’aiuto ai due piloti”.