Il miglior evento dell’anno, per il quarto anno consecutivo. Gli organizzatori del Gran Premio del Messico sono stati premiati dalla FIA quale Best Promoter in occasione della cerimonia di gala a San Pietroburgo. Riconoscimenti che non bastano a garantirne il futuro, con un contratto in scadenza nel 2020, da rinnovare in un clima che vede rappresentanti del governo centrale e non, determinati sulle priorità da assegnare al paese.

Prima la posizione di Ana Guevara, ex atleta quattrocentista in pista ora a capo della commissione nazionale sportiva Conade, a opporsi al finanziamento dell’evento con fondi pubblici: troppo oneroso l’investimento per il governo federale. Da ultimo il ministro del Turismo Miguel Torruco, a ribadire la politica di austerità che rivedrà l’impegno sugli eventi sportivi.

“Siamo interessati a tutti gli eventi sportivi, ma prima di tutto c’è la realizzazione delle priorità dettate dal presidente e il piano di austerità”, ha commentato. Organizzazione del Gran Premio gestita della società CIE di Alejandro Soberon.

Un quadro più chiaro sul futuro della gara di Città del Messico si avrà a fine febbraio, data limite il 28, indicata da Soberon per definire il futuro del Gran Premio.