Il volto nuovo di Bottas, oltre il look da Instagram, con inedita barba sfoggiata anche all’evento di Ginevra con lo sponsor orologiaio IWC, dovrà scoprirsi in pista, a partire da Melbourne. Stagione decisiva per Valtteri, pronto a tornare in azione, al volante, con la prima uscita su una WRC, nell’Arctic Lapland Rally, tra il 24 e 26 gennaio. Mentre altri saranno impegnati nella Race of Champions, lui affronterà le speciali innevate su Ford Fiesta RS.

Il Valtteri lasciato nei test di Abu Dhabi lo scorso dicembre era un pilota esausto, alla ricerca di un allontanamento dal mondo della Formula 1 dopo una stagione difficile soprattutto sotto il profilo mentale. Si è rifugiato nella sua Finlandia, di tanto in tanto a documentare sprazzi di vita quotidiana tra preparazione fisica, paesaggi innevati, partite di hockey su ghiaccio e relax. In vacanza sono riuscito a staccare dalla Formula 1 e fare altre cose. Ho provato a evitare tutte le critiche, anche se possono essere utilizzate come stimolo”, racconta al giornale Iltalehti.

Sterzi a parte: Alonso tornerà e Bottas non va cacciato

“Sono contento di iniziare la nuova stagione e l’obiettivo è di correre la migliore della mia carriera. Una necessità, farlo. Perché il pilota vale senza dubbio più di quanto non abbia messo in mostra nel 2018. La sfida riparte da zero e dovrà dare ottimi motivi per farsi preferire a un Ocon che viene indicato quale naturale secondo di Hamilton nel 2020.