Vincenti in coppia, fino al secondo posto, nel sabato della Nations Cup, Mick Schumacher ha avuto la meglio su Sebastian Vettel nella Race of Champions individuale. Ma non è bastato per andare oltre i quarti di finale. Città del Messico regala i primi sprazzi di azione su pista per tanti “formulisti” e l’occasione vale uno sguardo sul lavoro che, ancora, si porta avanti in fabbrica, ultime settimane prima della presentazione, il 15 febbraio la Ferrari progetto 670. 

“Ci sono tutti gli ingredienti, spetta a noi svolgere il lavoro”, ha commentato Vettel dalla Race of Champions. Ingredienti per centrare la sfida al titolo con il nuovo assetto della Gestione Sportiva, con un nuovo compagno di squadra che può trasformarsi in sprone per alzare il livello e cancellare gli errori commessi nel 2018 .

Formula 1: Ferrari, il progetto 670 supera i crash test

Ci saranno ingredienti nuovi, imposti, nei regolamenti rivisti, che lasciano un interrogativo su chi avrà, più di altri, azzerato il deficit che l’ala anteriore semplificata e le altre misure tecniche, si proponevano di introdurre sulle prestazioni complessive delle monoposto. “In questa fase dell’anno è difficile pronunciarsi, tutti sono ancora nel buio, aspettiamo che arrivino le macchine e di avere le prime sensazioni, poi vedremo alla prima gara.

Quel che ci aspetta sarà una grande sfida e quanto vogliamo ottenere quest’anno è chiaro.Anche in termini di supporto, non ci manca ed è evidente anche qui quanti tifosi Ferrari fossero presenti, ha proseguito Vettel, specialista della Race of Champions eppure eliminato nella fase a gironi, con 5 decimi di secondo pagati a Mick Schumacher, con un errore sull’ultima curva ad aver condizionato la sfida: “E’ stata una competizione divertente, mi sarebbe piaciuto andare un po’ più in là, guidare di più, però certe volte va così”.

Mazzola: "Schumi jr., il target dev'essere Verstappen"

RoC corso in coppia con Schumacher al sabato e il neo-pilota Ferrari Driver Academy ha raccontato: “Sebastian mi ha dato ottimi consigli: guida pulito, dipende da come passi da una macchina all’altra, sono tutte molto diverse”. Consigli messi a frutto con la vittoria nel testa a testa sui buggy.

Ferrari, i big analizzano la rivoluzione