Si è concluso con un quinto posto il weekend tutto di traverso di Valtteri Bottas. Il pilota della Mercedes ha partecipato al primo appuntamento del campionato di rally finlandese, l’Arctic Lapland Rally, togliendosi anche la soddisfazione di vincere una speciale.

Il pilota di Natsola era iscritto alla corsa con una Ford Fiesta WRC Plus preparata da M-Sport (vettura di tutt’altre prestazioni rispetto alle R5 che, di norma, corrono nel campionato finnico…) ed è stato navigato da un co-pilota d’eccezione: Timo Rautiainen, due volte campione del Mondo WRC, nel 2000 e nel 2002, in coppia con Marcus Gronholm.

Trovare la prestazione su una superficie completamente diversa dall’asfalto, comporta un minimo di adattamento per chi è abituato alla pista e Bottas non ha fatto eccezione. Il finnico è partito piano, galleggiando tra la settima e la nona posizione, prima di trovare la giusta confidenza e risalire fino al quinto posto finale.

Bottas, ora, può tornare a concentrarsi sulla stagione 2019 di Formula 1 che rischia di essere uno snodo importante per la sua carriera. Il pilota è in scadenza di contratto, con l’ombra ingombrante di Ocon, terzo pilota Mercedes con talento e ambizioni da titolare, che aleggia sul suo sedile.

Per di più c’è quello 0 nella casella vittorie nel campionato 2018 a pesare come un macigno, da riscattare per togliersi di dosso i gradi da semplice seconda guida al servizio di Hamilton.

I test invernali e il primo contratto con la W10 scatteranno il 18 febbraio. La corsa la rinnovo, per Bottas, inizia da Barcellona.