Dà il cambio a Sebastian Vettel, al volante della Ferrari SF90 e nella graduatoria dei tempi, Charles Leclerc. La seconda giornata di test a Barcellona arriva alla pausa pranzo con quattro ore di attività piuttosto intense, solo una bandiera rossa, in avvio, provocata da Alexander Albon, terminato in testacoda nella via di fuga di curva 4. 

Temperature che, al Montmelò, sono inferiori ai valori registrati ieri, quando l’asfalto arrivò ai 25° C nel primo pomeriggio. Mattinata ricca di azione e chilometri, Leclerc completa 73 passaggi, affrontati a lungo con gomme Pirelli di mescola C2, la specifica "media" e con banda bianca, gomma con la quale ha realizzato un tempo di 1’18”982, poi migliorato fino a marcare l’1’18”247 che rappresenta la prestazione di riferimento a metà turno di prove (1'18"161 ieri Vettel).

Ai 73 giri coperti dal pilota monegasco risponde Lewis Hamilton, 74 tornate inanellate, la più rapida in 1’19”928, con gomma di mescola C3.

Il programma del mattino ha visto il box Haas e quello Renault incappare in qualche imprevisto. Se Kevin Magnussen ha completato solo 33 giri e iniziato la giornata in ritardo rispetto all’apertura della pitlane alle 9:00, Daniel Ricciardo ha limitato l’attività a 28 passaggi.

Renault RS19 protagonista di un problema al DRS che ha causato l’uscita di pista del pilota australiano in curva 1, fuoripista senza toccare le barriere.

La seconda giornata di test a Barcellona ha segnato il debutto al volante della Alfa Romeo C38 di Antonio Giovinazzi. Ha girato a lungo, 62 passaggi all’attivo, centrando la terza prestazione al mattino, con gomma di mescola C4 e a 1” dal tempo di Leclerc.

Da segnalare anche la prima uscita di Gasly con Red Bull RB15, il primo a superare il traguardo dei 50 giri, per chiudere alle 13:00 con 69 passaggi.

Sempre critica la situazione nel box Williams. Il team dovrebbe, il condizionale è più che mai d’obbligo, scendere in pista domani: se riusciranno nell’impresa, vista ancora l’assenza della FW42 ai box – sulla quale si inseguono diversi rumours, da un difetto di progettazione al ritardo dei fornitori -, saranno solo i due titolari, Kubica e Russell, a girare: il run del terzo pilota Latifi è stato cancellato. 

 

1

Charles Leclerc

Ferrari

1’18”247

 

C3

73

2

Kevin Magnussen

Haas

1’19”234

+0”987

C3

33

3

Antonio Giovinazzi

Alfa Romeo

1’19”312

+1”065

C4

62

4

Lando Norris

McLaren

1’19”489

+1”242

C2

53

5

Pierre Gasly

Red Bull

1’19”814

+1”567

C3

69

6

Daniel Ricciardo

Renault

1’19”886

+1”639

C3

28

7

Lewis Hamilton

Mercedes

1’19”928

+1”681

C3

74

8

Alexander Albon

Toro Rosso

1’20”046

+1”799

C4

61

9

Lance Stroll

Racing Point

1’20”433

+2”186

C3

45