C’era attesa per scoprire con quali novità, Mercedes, si sarebbe presentata alla seconda sessione di test in corso a Barcellona. La W10 scesa in pista con Hamilton stamani ha rivelato i primi interventi, in un percorso di sviluppo che replica il metodo di lavoro seguito negli ultimi anni, ovvero, di introdurre il pacchetto destinato a essere impiegato nelle prime gare del mondiale nella seconda sessione di test.

Una delle differenze sostanziali, filosofiche, emerse tra Mercedes e altri team – Alfa Romeo e Ferrari, in estrema sintesi – ha interessato il disegno dell’ala anteriore.

Segui la diretta dei test a Barcellona

La specifica evoluta portata in pista da Hamilton modifica l’andamento delle paratie esterne, con una curvatura verso l’interno adesso orientata in senso opposto, a direzionare parte dei flussi d’aria all’esterno delle ruote anteriori. 

Cambia anche il disegno del “gradino” alla base dell’endplate, dalla singola curvatura a un profilo più ondulato. Il piano principale dell’ala è anch’esso differente nel raccordo con le paratia, dalla soluzione vista la scorsa settimana, più ondulata, si passa a un singolo cucchiaio.

Non sognatevi di vedere Mercedes nei guai

Novità che proseguono e registrano un musetto scavato ai lati, in prossimità del collegamento con le “zanne” incaricate di canalizzare l’aria verso il fondo, per continuare, poi, con appendici più estese, ricurve, davanti alle pance.

F1, Renault e Mercedes: servono mesi per modificare l'ala anteriore

La zona del fondo sviluppa una serie di derive verticali, seguendo quanto anticipato dalla Ferrari nelle ultime gare dello scorso campionato, applicate sulla W10 in prossimità del bordo esterno. Una miriade di piccoli interventi nostrano anche il riposizionamento del supporto dello specchietto ancorato alle pance, adesso più vicino al supporto accanto al cockpit.

Le appendici “a ponte”, al di sopra e ai lati delle pance, inoltre, sfoggiano tre pinne nella zona inferiore, applicate al bordo d’entrata delle prese e orientate verso l’esterno.

In coda, davanti l’ala, nuova T-Wing a due elementi rispetto alla specifica a singolo profilo apparsa nella prima sessione di test.